Giacomo Frazzitta Denise Pipitone Procedimento Disciplinare

“Fanno schifo”. Denise Pipitone: scoppia il caso sull’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta

Guai in vista per l’avvocato Giacomo Frazzitta, che difende da anni la famiglia di Denise Pipitone, sparita nel nulla da Mazara del Vallo 17 anni fa. Si sarebbe reso protagonista di alcune frasi, considerate gravi, che hanno causato la reazione di coloro che sono stati tirati in ballo dall’uomo. I fatti sarebbero avvenuti durante una telefonata intercettata del legale con una testimone, che si è poi rivelata falsa. Ovviamente l’uomo non era a conoscenza dell’intercettazione, quindi non pensava di essere ascoltato.

Giorni fa è tornata a parlare la mamma della piccola, Piera Maggio: “Dopo tanto rumore, il silenzio fa paura… specialmente se il tutto possa evolversi in oblio. ipongo tanta stima per quelle persone che aldilà della propria professione prima di tutto sono umanamente sensibili sul tema riguardante il sequestro di una bambina e rispettosi delle persone offese. Fra questi, il mio legale, una persona in cui credo e stimo da sempre per tutto il lavoro che ha svolto in questi 17 anni”.

Denise Pipitone Procedimento Disciplinare Avvocato Giacomo Frazzitta

L’Associazione Nazionale Magistrati di Palermo ha chiesto all’Ordine degli avvocati di Marsala di aprire un procedimento disciplinare contro Giacomo Frazzitta per le seguenti parole: “Sono puerili. Perché i magistrati fanno schifo cara signora. I magistrati fanno schifo in Italia, lo dobbiamo dire e sta succedendo anche nel caso Denise. Se ne stanno andando a indagare la collega. Quale è l’urgenza?”. I pubblici ministeri hanno sottolineato il comportamento non idoneo del difensore della famiglia di Denise.


Denise Pipitone Procedimento Disciplinare Avvocato Giacomo Frazzitta Magistrati

Ora il presidente dell’Ordine degli avvocati di Marsala dovrà girare la richiesta a Caltanissetta perché Giacomo Frazzitta è consigliere a Marsala. Gli avvocati di Caltanissetta potranno fare l’istruttoria e chiedere gli atti alla procura. Queste sue parole sono finite nell’indagine anche contro Anna Corona, per la quale è stata chiesta l’archiviazione. I pm hanno fatto sapere: “L’avvocato anziché assumere un atteggiamento neutro e di prudenziale attesa, non potendo essere a conoscenza della falsità delle dichiarazioni della donna reagiva con rabbia esprimendo giudizi pesanti sui magistrati”.

Poi i pm hanno aggiunto su Giacomo Frazzitta: “Frazzitta la invitava ad addurre fantomatiche urgenze di lavoro. Hanno un’arroganza che sono capaci di arrestarmi, loro sono i padroni del mondo”. Parole che lo costringeranno molto probabilmente a difendersi davanti all’Ordine degli Avvocati, che adesso indagherà sull’accaduto.