“Ecco perché lo ha ucciso”. Giallo di Dalmine, spunta il movente per la morte di Franco Colleoni

Omicidio di Franco Colleoni, la svolta. A diffondere la notizia Repubblica, che offre alcuni dettagli sull’uccisione dell’ex segretario provinciale di Bergamo della Lega. Si apprende che  i carabinieri hanno arrestato uno dei figli della vittima, Francesco di 34 anni. Padre e figlio, secondo quanto appreso dagli investigatori, avrebbero litigato per la riapertura della loro trattoria “Il Carroccio”.

Un litigio acceso che sarebbe culminato con una colluttazione, nel corso della quale Francesco, figlio della vittima, avrebbe picchiato con violenza il padre. In seguito alla colluttazione, Franco sarebbe caduto a terra sbattendo la testa su una pietra del cortile. Così avrebbe incontrato la morte l’ex segretario provinciale di Bergamo della Lega. Il diverbio si sarebbe scatenato alla luce delle polemiche sorte sulla gestione del locale. (Continua a leggere dopo la foto).


Avrebbe ammesso della colluttazione avvenuta con il padre di fronte ai militari del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Treviglio, accennando anche a un black out di almeno un paio d’ore. Il 34enne, cuoco della trattoria di famiglia, è stato ammanettato e condotto presso il carcere di Bergamo su ordine del pm Fabrizio Gaverini. Tra padre e figlio i rapporti risultavano compromessi da diverso tempo. (Continua a leggere dopo la foto).

E sempre su Repubblica si apprende che “Le indagini si erano da subito concentrate nella cerchia di familiari e conoscenti di Colleoni. i cani della cascina non sono stati sentiti latrare al momento della colluttazione e da casa e dal ristorante non mancava nulla. Molto disordine c’era invece tra l’appartamento al primo piano del proprietario e la cassa al piano terra. Segni di lotta”. (Continua a leggere dopo le foto).

Si è fatta largo, in un primo momento, l’ipotesi che l’uomo sia stato vittima di alcuni ladri sorpresi a rubare, ma dai violenti colpi riscontrati sul corpo della vittima, tutto lasciava pensare a un delitto perpetuato a causa di  “risentimenti profondi”. Franco Colleoni è stato trovato a terra e senza vita dall’ex moglie Patrizia e dai figli Federico e Francesco. E dopo l’interrogatorio, quest’ultimo ha confessato.

“Era al telefono, sul marciapiede”. Investito e ucciso in strada un uomo di 37 anni. Alla guida un minorenne