Dalila Bianchi Morta Alzano Lombardo

Non si sente bene, va al pronto soccorso: dimessa con antibiotici. Dalila (28 anni) muore poche ore dopo

Un dramma ha colpito ancora una volta una giovane vita. Dalila aveva solamente 28 anni ed è morta improvvisamente, causando dolore e lutto in una comunità intera. A riferire i dettagli sull’incredibile vicenda sono stati i parenti della ragazza, che hanno deciso di rilasciare alcune interviste per fare il punto della situazione sulla storia. Secondo quanto è stato rivelato, lei pare non fosse in buone condizioni di salute da qualche giorno, infatti le era comparsa anche una febbre alta.

Visto che il suo stato di salute non migliorava affatto, la 28enne aveva optato per il trasferimento in ospedale, infatti aveva deciso di andare al pronto soccorso del suo paese per cercare di risolvere il problema. I dottori, una volta completata la visita ed aver ottenuto i risultati degli esami a cui era stata sottoposta, avrebbero prescritto degli antibiotici, che avrebbero dovuto rimetterla in sesto. Ma poi la situazione è degenerata. Fino ad arrivare alla sua morte, che ha scioccato davvero tutti.

Dalila Bianchi Morta Febbre Alta Alzano Lombardo

Dalila Bianchi era conosciuta praticamente da tutti perché lavorava come cameriera in un bar della zona. La 28enne era originaria di Alzano Lombardo, un paese situato in provincia di Bergamo. E proprio nell’ospedale del comune si era recata nella speranza di una ripresa. Invece Dalila Bianchi è deceduta improvvisamente, dopo le dimissioni, nella notte tra lunedì 22 e martedì 23 novembre. Resta il mistero su ciò che sia successo realmente, quindi la procura ha l’obiettivo di fare luce e ha aperto un fascicolo sulla sua storia.


Dalila Bianchi Morta Alzano Lombardo Febbre Alta

Contattata da ‘L’Eco di Bergamo’, la sorella di Dalila Bianchi, Valeria, ha affermato: “Non eravamo preoccupati, non sembrava niente di grave e di notte ho poi ricevuto quella brutta telefonata dai miei genitori”. La giovane lavorava in un bar proprio insieme a questa sorella e ad un’altra, che si chiama Roberta. Erano ormai sette anni che aveva quell’impiego lavorativo. L’attività commerciale ha salutato così la dipendente: “Che la terra ti sia lieve ragazza cocciuta…Lascerai un vuoto enorme in questo bar e nei nostri cuori”.

Altre persone che conoscevano e volevano bene a Dalila Bianchi hanno aggiunto nei loro messaggi, postati sui social network: “Raramente ho visto ragazze così giovani devote al lavoro come lei. Esempio per questa generazione, anche se scassavi le balle mi mancherai cucciola”, “Una ragazza piena di vita, non trovo le parole, mi mancheranno moltissimo le sue battute”.

Pubblicato il alle ore 17:03 Ultima modifica il alle ore 17:03