Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Non hanno avuto scampo”. Tragedia sulle strade italiane, Cristian e Carlo morti a 24 e 54 anni

  • Italia
incidenti mortali cristian carlo

Altre tragedie sulle strade italiane. Tra il 7 e l’8 dicembre un’automobile è finita in un canale a Portogruaro e sono morti tre ragazzi. A perdere la vita sono stati Giulia Di Tillio, 21 anni di Portogruaro, e due ragazzi residenti a Concordia Sagittaria, Gjeci Egli, 26 anni, e Altin Hoti di 22. Nella notte tra sabato 9 e domenica 10 dicembre si sono verificati purtroppo altri due brutti incidenti, entrambi mortali.

A San’Elena, vicino a Este nel Padovano, in via Gasparolo un ragazzo di 24 anni ha perso il controllo della sua macchina ed è finito in un fossato. Erano le 4:15 di notte e per il giovane conducente del veicolo non c’è stato nulla da fare. La dinamica dell’incidente non è ancora stata chiarita, le forze dell’ordine stanno cercando di ricostruirla dopo i rilievi del caso.

Leggi anche: Filippo Turetta, il sospetto sulla malattia: cosa è emerso

incidenti mortali cristian carlo


Ancora sangue sulle strade italiane: le ultime due vittime

Il ragazzo si chiamava Cristian Disarò, era uno studente di Chimica biorganica all’Università degli Studi di Ferrara. abitava in via Marzare a Villa Estense. Non è chiaro come abbia perso il controllo della sua macchina. Si sa però che era da solo e che finendo nel canale ha impattato contro un pozzetto in cemento armato. Per lui non c’è stato scampo. Sul posto sono giunti i carabinieri di Boara Pisani e Solesino insieme ai Vigili del fuoco di Este e al Suem.

incidenti mortali cristian carlo

Un altro sinistro mortale si è verificato nel Bellunese tra Col di Rocca e Rocca Pietore alle 23 di ieri sera. La vittima è Carlo Sorarù di Rocca Pietore, aveva 54 anni. In questo caso c’è anche un’altra automobile coinvolta. La macchina su cui viaggiava Carlo si è scontrata frontalmente con un Suv guidato da una persona residente ad Alleghe, F. B., rimasto ferito nell’incidente.

In questo caso appare molto probabile che tra le cause principali ci sia stato il nevischio che ricopriva il manto stradale rendendolo scivoloso. Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco sono durate diverse ore e terminate intorno alle 2:30 quando sono stati rimossi i mezzi da parte del caro attrezzi.

“Fa venire i brividi”. Fratelli morti sulla strada a 6 mesi di distanza, la scoperta sui social è accapponare la pelle


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004