Visite a parenti e amici, cosa prevede il nuovo decreto Covid. Le misure fino al 31 luglio

Riaperture del 26 aprile, zona gialla, pass e coprifuoco: oggi è il giorno del nuovo decreto Covid, con regole e misure che saranno valide fino al 31 luglio. Il Consiglio dei ministri si riunirà questo pomeriggio alle 17. All’ordine del giorno, proprio le “misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da Covid 19”.

Il provvedimento fisserà le norme per il ritorno della zona gialla in Italia ma anche quelle sul nuovo pass per gli spostamenti tra le regioni, visite a parenti e amici, scuola in presenza, ristoranti, palestre e piscine, cinema, teatri, concerti e sport. Per quanto riguarda il coprifuoco, uno degli argomenti più dibattuti in questi giorni, ieri il ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato che sarà ancora a partire dalle 22. (Continua a leggere dopo la foto)


“Facciamo i passi avanti concordati, diamo un primo messaggio di fiducia al Paese. Ma accanto alla parola fiducia, ci vuole la parola prudenza per non vanificare gli sforzi fatti finora”, è il pensiero del ministro, a quanto si apprende, sulle riaperture dal 26 aprile. Per quanto riguarda il coprifuoco, uno degli argomenti più dibattuti in questi giorni, ieri il ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato che sarà ancora a partire dalle 22. (Continua a leggere dopo la foto)

Poi c’è il nodo visite ai parenti. Il decreto legge con le nuove misure anti-Covid in vigore dal 26 aprile concederà infatti agli italiani la possibilità di muoversi più liberamente, a seconda della zona in cui risiedono. Le visite sono libere nelle Regioni in zona gialla. Ovviamente sono ancora vietati gli spostamenti in zona rossa, eccetto per motivi di lavoro, salute o necessità. In zona arancione, invece, sono consentite nel limite di quattro persone. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

“Dal primo maggio al 15 giugno 2021, nella zona gialla e, in ambito comunale, nella zona arancione, è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, nel rispetto dei limiti orari agli spostamenti di cui ai provvedimenti adottati in attuazione dell’articolo 2, comma 1, del decreto-legge n. 19 del 2020, e nel limite di quattro persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minorenni sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone con disabilità o non autosufficienti conviventi”, si legge nella bozza del nuovo decreto Covid.

“Muoiono i bambini, è una follia”. Cristiano Malgioglio, furia contro il collega vip: “Ma che gli succede?”