Covid, nella stessa regione 27 comuni in zona rossa. L’allarme del governatore: virus più aggressivo

Emergenza Covid, 27 comuni della Regione italiana in zona rossa. Il Bel Paese è costretto ad affrontare un’emergenza nell’emergenza; le varianti Covid continuano a mettere in ginocchio alcuni comuni, tra cui quelli del Basso Molise. Picco di contagi Covid registrato nelle ultime settimane portano  il governatore della Regione Toma ad affermare:  “Sospettiamo che possa trattarsi anche qui di una variante del virus”.

In corso il sequenziamento di 150 tamponi per rilevare di fronte a quale variante del virus la Regione Molise si trova. Toma insiste: “Non sappiamo ancora quale, abbiamo mandato i tamponi in laboratorio, entro 24-48 ore sapremo”. Sono arrivati a 27 il numero dei comuni della regione in zona rossa, alla luce dei 144 nuovi casi nelle ultime 24 ore. L’ennesima sfida per il sistema ospedaliero sotto pressione. (Continua a leggere dopo la foto).


Donato Toma sottolinea: “Purtroppo le infezioni da Coronavirus si sono concentrate tutte in poche settimane, proprio come in Umbria”, aggiungendo che si sta verificando “qualcosa di diverso rispetto al normale propagarsi del virus”. Alla luce del numero crescente di casi, finiscono in zona rossa i comuni di Termoli, Acquaviva Collecroce, Casacalenda, Castelmauro, Civitacampomarano, Colletorto, Guardialfiera. (Continua a leggere dopo la foto).

E ancora Guglionesi, Larino, Mafalda, Montecilfone, Montefalcone del Sannio, Montemitro, Montenero di Bisaccia, Montorio nei Frentani, Palata, Petacciato, Portocannone, Ripabottoni, Rotello, San Felice del Molise, San Giacomo degli Schiavoni, San Giuliano di Puglia, San Martino in Pensilis, Santa Croce di Magliano, Tavenna e Ururi. Nei comuni, dunque, si torna alla chiusura di negozi, bar e ristoranti e scuole  fino al 21 febbraio. (Continua a leggere dopo le foto).

Sarà necessario analizzare la sequenza virale su 150 tamponi inviati dall’Ospedale Cardarelli di Campobasso e comprendere quale variante Covid la Regione dovrà fronteggiare. Il sindaco di Termoli, Francesco Roberti ha così detto ai microfoni della Rai: “C’è qualcosa di nuovo che ci preoccupa. In Basso Molise ci sono mille contagiati con situazioni di salute preoccupanti che rischiano di mandare in crisi il sistema sanitario”, aggiungendo che “anche i giovani e persone senza patologie, alcune delle quali proprio in queste ore stanno facendo i conti con crisi respiratorie trattate a domicilio attraverso le bombole di ossigeno, delle quali c’è un enorme bisogno, come confermano i farmacisti del territorio”.

Accompagna la figlia a scuola, poi muore sotto casa travolta da un tir: Federica aveva 35 anni. La tragica scoperta del marito