Coniugi di Bolzano, le parole choc della sorella di Benno Neumair: “Ecco perché ho paura”

Coniugi di Bolzano, la sorella di Benno Neumair avanza i suoi timori. Dopo il ritrovamento del cadavere di Laura Perselli e degli scarponcini di Peter, proseguono le ricerche sull’Adige. Al contempo gli inquirenti continuano a fare chiarezza sull’omicidio plurimo di Bolzano. Avanza l’ipotesi che Peter e Laura Perselli sarebbero stati uccisi in tempi diversi. Benno dal carcere si professa ancora una volta innocente.

Il dettaglio dei telefonini dei coniugi sarebbe in linea con l’ipotesi avanzata dagli inquirenti: i due sarebbero stati uccisi in tempi diversi. Infatti i telefonini del padre e della madre di Benno risultano essere stati spenti in orari diversi: circa alle 17.30 quello di lui e attorno alle 21.30 quello della moglie. Un intervallo di tempo di circa 4 ore, in cui l’assassino avrebbe pensato anche al modo di disfarsi dei due cadaveri. (Continua a leggere dopo la foto).


Benno Neumair, dal carcere in cui il giudice ha convalidato il fermo con l’accusa di duplice omicidio e occultamento di cadavere, dopo essersi nuovamente dichiarato innocente, sceglie di non parlare. E le piste di indagine si infittiscono, da un lato si cerca ancora il cadavere di Peter, dall’altro si prova a ricostruire la puntuale dinamica sul caso. Non resta in silenzio Madè Neumair, figlia della coppia e sorella di Benno. (Continua a leggere dopo la foto).

La ragazza avrebbe espresso i suoi timori per la propria incolumità. Attraverso il legale, la figlia della coppia ha presentato un documento durante l’udienza del tribunale del Riesame in cui chiede una misura cautelativa, nel timore che il fratello Benno Neumair possa farle del male. La memoria di Madè Neumair potrebbe rivelarsi centrale nella decisione dei giudici. (Continua a leggere dopo le foto).

I timori di Madè sono emersi da subito, ovvero da quando al suo ritorno a Bolzano, il giovane medico non avrebbe accettato di alloggiare nella casa di famiglia in via Castel Roncolo a Bolzano, dettaglio non trascurabile nello scenario di una personalità irrequieta quale sembra essere stata fin dalla tenera età quella del fratello Benno, confermata anche dalla testimonianza dell’amica di famiglia.

Giallo sulla morte di Ilenia Fabbri, sgozzata in casa. L’ipotesi choc sul killer