Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Omicidio Saman, arrivata la sentenza per i genitori, gli zii e i cugini

  • Italia
Omicidio Saman Abbas sentenza condanna

“Volevo dire tutta la verità, sono state dette tante parole false. Non è vero che sono una persona ricca, che sono legato alla mafia, che ho ammazzato qui o in Pakistan. Né che sono andato a casa di Saqib a minacciarlo”. Inizia così la lunga dichiarazione spontanea resa da Shabbar Abbas nell’aula della Corte di Assise di Reggio Emilia. Il padre di Saman, uccisa a 18 anni la notte tra il 30 aprile e il primo maggio 2021, ha parlato nel giorno della sentenza del processo per l’omicidio di sua figlia.

“È falso quello che dicono – ribadisce – che ho ammazzato mia figlia e sono scappato via, che il 29 aprile ho scavato la buca, che ho portato lo zaino a casa, dopo averla lasciata in campagna. Io sono venuto con la mia famiglia in Italia a luglio 2016, i bambini dopo 1 o 2 mesi hanno cominciato ad andare a scuola. Saman ci andava col fratello, li portavo io. Qualche volta andavano soli, lei però non voleva prendere il treno e mi ha chiesto di comprarle una macchina, ma senza patente le ho risposto che non poteva e lei ha detto che non voleva andare a scuola. A casa avevamo un computer che lei usava, parlava su Skype, diceva che studiava”.

Saman Abbas, il corpo è suo: come hanno identificato i resti


Saman Abbas, arrivata la sentenza: genitori condannati all’ergastolo, lo zio a 14 anni. Cugini assolti

Nel pomeriggio del 19 dicembre è arrivata la sentenza. Ergastolo per il padre Shabbar e la moglie. È quanto stato deciso oggi dai giudici della Corte di Assise di Reggio Emilia. La giovane è stata uccisa a 18 anni la notte tra il 30 aprile e il primo maggio 2021. I giudici hanno inflitto inoltre 14 anni allo zio Danish Hasnain, e hanno assolto i cugini Ikram Ijaz e Nomanhulaq Nomanhulaq, per i quali è stata ordinata l’immediata scarcerazione.

Tutti gli imputati, eccetto la madre, erano presenti in aula alla lettura della sentenza. Nata il 18 dicembre 2002 nel villaggio di Mandi Bahauddin, Saman Abbas è stata uccisa a 18 anni, nella notte tra il 30 aprile e il primo maggio 2021, a Novellara, nella bassa di Reggio Emilia dove la famiglia si era trasferita per coltivare la frutta.

Tutto è partito dal rifiuto da parte del padre e della madre di accettare la relazione con l’allora ragazzo Saqib Ayub. Per lei infatti era già stato combinato il matrimonio con un cugino di 10 anni più grande.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004