Schianto in montagna, l’elicottero precipita a 3000 metri: c’è un morto

Tragedia nei cieli di Cervinia. Per cause ancora da accertare un elicottero è precipitato. L’Agenzia nazionale per il volo ha aperto un’indagine. L’impatto è stato fatale per uno dei due uomini a bordo, l’altro è attualmente ricoverato in gravissime condizioni. L’allarme è scattato ieri sera, ma solo intorno alla mezzanotte il veivolo è stato avvistato e raggiunto dai soccorsi.

L’incidente si è verificato nella zona di Cime Bianche, a 3.000 metri di quota, in una zona impervia. Le operazioni di ricerca e recupero sono state condotte dal Soccorso alpino valdostano e dalla Guardia di finanza. Il ferito è stato preso in carico dal servizio sanitario svizzero e portato all’ospedale di Berna in condizioni gravi per una forte ipotermia. La dinamica dell’incidente è in fase di valutazione. Continua dopo la foto


La vittima si chiamava Alfredo Buda, di 59 anni. L’altra persona presente sull’elicottero precipitato è Giorgio Oliva, ricoverato nell’ospedale di Berna. La dinamica, come detto in apertura, è al vaglio degli investigatori che stanno cercando di ricostruire quanto successo per appurare eventuali responsabilità. Le prime informazioni sono stati riportate dal Soccorso alpino della guardia di finanza di Breuil-Cervinia, coordinati dalla procura di Aosta. Continua dopo la foto

Secondo le prime informazioni e riporta SkyTg 24, i due uomini si sono recati ieri nel comprensorio sciistico valdostano in elicottero, un Robinson 4 posti, provenendo da fuori regione e sono atterrati nella zona di Cime Bianche Laghi, dove hanno sciato. Non è stato l’unico incidente nella giornata di ieri, in Abruzzo un uomo è morto lungo il sentiero denominato Sassone, piuttosto ripido, sul Corno Grande, a quota 2.500 metri. Continua dopo la foto


{loadposition intext}
Allertati i soccorsi, con l’elicottero del 118, arrivato da Preturo (Aq) e con a bordo i tecnici del Soccorso alpino e speleologico d’Abruzzo, con c’è stato altro che constatare il decesso per cause naturali dell’uomo. Quasi certamente ad ucciderlo è stato un infarto. La salma è già stata restituita alla famiglia.

Ti potrebbe interessare: “Ma è successo davvero?!”. Fabio Fazio, forse non se lo aspettava neanche lui. Un vero terremoto per la tv