“Addio Chiara”. Battuta dal male a 18 anni, la maledizione di famiglia si è accanita contro di lei

Lutto cittadino per la comunità di Castiglion Fiorentino, in provincia di Arezzo. Muore a causa di una grave malattia Chiara Meoni, figlia del compianto campione di moto Fabrizio, venuto a mancare nel lontano 2005. Il sindaco Mario Agnelli diffonde la dolorosa notizia, proclamando il lutto cittadino in memoria della 18enne. Tutta la comunità si stringe al dolore della famiglia.

Ancora tanti sogni da realizzare nel cuore della giovanissima figlia del campione. A dare l’annuncio della morte della 18enne, il primo cittadino di Castiglion Fiorentino. Parole, quelle del sindaco, che continuano a risuonare dentro il cuore di quanti hanno sempre stimato la famiglia del campione di moto, Fabrizio Meoni, venuto a mancare nel 2005 in seguito a un incidente in Mauritania, mentre partecipava alla Dakar.


“Cara Chiara – ha scritto Agnelli su Facebook – sapevi di avere avuto un padre leggendario e adesso spero che tu possa correre assieme a lui. Hai avuto però anche una madre e un fratello straordinari che hanno dimostrato di essere speciali esattamente come Fabrizio e sai perfettamente a cosa mi riferisco. In quanto a me e alla mia promessa non mantenuta, ti chiedo di perdonarmi perché non sono stato in grado di fare quello che ti avevo detto e di cui ero anche tenacemente convinto”.

“Adesso cercando di contenere il nostro dolore e non sarà per niente facile perché anche per me nulla sarà come prima, proclamo per l’intera giornata di domani il lutto cittadino della tua amata Castiglioni. Grazie del tuo sorriso anima bella e vola più in alto del cielo”. Una malattia ha fatto chiudere per sempre gli occhi di Chiara, studentessa al liceo Scientifico. Nella vita della 18enne la dolorosa perdita del padre quando la ragazza aveva soltanto due anni.

Impossibile dimenticare quel tragico giorno del mese di gennaio. L’11 gennaio del 2005 è venuto a mancare Fabrizio Meoni, all’epoca 48enne e vincitore per ben due volte della stessa competizione Dakar durante la quale andò incontro alla morte. Il campione di moto finì con la sua motocicletta in una buca e perse il controllo del mezzo. I funerali si terranno domani, domenica 23 maggio, alle ore 16, nella chiesa di Rivaio, dove venne celebrata anche la messa funebre per il padre.

“Una cosa gravissima…”. Denise Pipitone, furia dell’avvocato Frazzitta. Silenzio rotto dopo la clamorosa svolta