Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Erano nel suo covo”. La strana scoperta nella casa di Matteo Messina Denaro

  • Italia

La casa di Messina Denaro. In queste ore i carabinieri del Ros hanno diffuso le foto scattate nella prima abitazione in uso al boss della mafia arrestato il 16 gennaio 2023. Nelle ore scorse le forze dell’ordine hanno scoperto un terzo covo. Si tratta di un appartamento, vuoto, in cui il boss abitava prima di trasferirsi nella casa di vicolo San Vito, sempre a Campobello.

La Polizia di Stato è riuscita ad arrivare al covo attraverso chi gli ha fatto il trasloco, come apprende l’Adnkronos, per andare nella casa in cui ha vissuto fino a pochi giorni fa. Se n’è andato da quella abitazione ai primi di giugno. Nella prima casa di Messina Denaro perquisita dal Ros, a Campobello di Mazara, i carabinieri hanno trovato anche il poster con il volto de Il padrino.

Leggi anche: Matteo Messina Denaro, la scoperta nel covo: nomi, numeri di telefono, appunti sui politici

Casa di Messina Denaro, trovate stampe del Padrino e di Joker


Casa di Messina Denaro, trovate stampe del Padrino e Joker

Come detto, nella prima casa di Messina Denaro i carabinieri hanno trovato una stampa con il primo piano del padrino, che indossa il papillon e una rosa rossa alla sua destra. L’immagine è molto simile alla locandina del film diretto dal regista Francis Ford Coppola in cui il protagonista – l’attore Marlon Brando – interpreta il personaggio di don Vito Corleone.

Nella casa di Messina Denaro i carabinieri del Ros hanno trovato un’altra immagine di un film. Si tratta di un ritratto di Joker, il personaggio della DC Comics avversario di Batman. L’immagine, che riproduce una scena del film interpretato da Joaquin Phoenix nel 2019, è stata diffusa dai militari insieme con la foto di una frase.

Sotto il ritratto del Joker, un motto, firmato proprio dal personaggio della DC Comics: “C’è sempre una via d’uscita ma se non la trovi sfonda tutto”. Le foto della casa di Messina Denaro sono state pubblicate dall’account ufficiale dell’Arma dei carabinieri dopo il sopralluogo degli specialisti del Ros. Il Ros è il raggruppamento operativo speciale che il 16 gennaio ha arrestato il boss mafioso dopo 30 anni di latitanza.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004