Ragazzina 15enne abusata al cimitero mentre è dalla mamma morta da poco

Una bruttissima notizia arriva da Milano, in particolare da Buccinasco, Comune che fa parte della Città Metropolitana del capoluogo lombardo. Purtroppo il tema della violenza contro le donne è sempre presente e gli episodi sono davvero numerosi. In questo caso la vicenda risale al 2020. Una ragazza di 15 anni ha da poco perso la madre e si reca al cimitero di Buccinasco per andarla a trovare.

La 15enne si reca molto spesso a pregare e portare i fiori sulla tomba della madre. E proprio nel cimitero inizia ad essere l’obiettivo del custode, 63enne, del cimitero. L’uomo la molesta e lo fa per diverso tempo. Alla fine la ragazza trova finalmente il coraggio di denunciare. (Continua a leggere dopo la foto)


 

La ragazza si decide a denunciare tutto alla polizia locale e scatta la procedura “Codice Rosso”, ovvero un meccanismo ideato appositamente per la tutela delle vittime e entrato in vigore il 9 agosto 2019. L’uomo viene arrestato per violenza sessuale aggravata e successivamente si scopre che ha diversi precedenti anche per mafia. Nulla ha fermato l’uomo dall’abusare la ragazzina, approfittandone proprio nel periodo in cui lei si recava a pregare sulla tomba della madre. (Continua a leggere dopo la foto)

Il custode, che lavorava nel cimitero per conto di una cooperativa, è stato portato in carcere. Giovedì 17 dicembre, al termine di un’udienza con rito abbreviato, è stato condannato a quattro anni e due mesi di reclusione. Ora la Procura di Milano ha chiesto la sorveglianza speciale per l’ex custode, riconosciuto colpevole. Dunque è finito l’incubo di questa ragazza che oltre al dolore per la perdita della madre dovrà superare anche questo trauma. (Continua a leggere dopo la foto)

Secondo l’Istat: “Il 31,5% delle 16-70enni (6 milioni 788 mila) ha subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale: il 20,2% (4 milioni 353 mila) ha subìto violenza fisica, il 21% (4 milioni 520 mila) violenza sessuale, il 5,4% (1 milione 157 mila) le forme più gravi della violenza sessuale come lo stupro (652 mila) e il tentato stupro (746 mila). Ha subìto violenze fisiche o sessuali da partner o ex partner il 13,6% delle donne (2 milioni 800 mila), in particolare il 5,2% (855 mila) da partner attuale e il 18,9% (2 milioni 44 mila) dall’ex partner. La maggior parte delle donne che avevano un partner violento in passato lo hanno lasciato proprio a causa delle violenza subita (68,6%).

Bimba di 8 anni in ospedale. Stupro: i medici confermano l’ipotesi più agghiacciante