“Omicidio volontario”. Coppia scomparsa a Bolzano, svolta nelle indagini. Durissime accuse al figlio 30enne

Due settimane gli inquirenti sono al lavoro per risolvere il caso di Peter Neumair e Laura Perselli, i due insegnati bolzanini in pensione di 63 di 68 anni spariti nel nulla. Nessun messaggio, nessuna testimonianza, il dettaglio inquietante dei telefoni spenti all’unisono che avevano fatto pensare a una tragedia mentre passeggiavano sull’argine del fiume.

Dall’inizio però era stato chiaro che qualcosa non tornasse. All’incidente gli investigatori non avevano creduto allo stesso modo di come sembrava pieno di falle il racconto del figlio Benno, insegnante di fitness 30enne che da poco era tornato a vivere in famiglia. Proprio su di lui, che ai carabinieri aveva detto di non essersi accorto della scomparsa dei genitori lanciando l’allarme solo 18 ore dopo a seguito di un messaggio della sorella che cercava i genitori, si stanno concentrando le indagini. Continua dopo la foto


A quanto scrive l’Ansa Benno Neumair è indagato per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Per il momento non è stata adottata nessuna misura cautelare nei sui confronti. Ci sarebbero dunque dei pesanti indizi di colpevolezza nei suoi confronti. L’abitazione dei due coniugi, come riferisce anche Il Corriere dell’Adige, è stata posta sotto sequestro. L’ipotesi degli inquirenti è che Benno possa aver ucciso i genitori e nascosto i loro corpi nel giardino. Continua dopo la foto

Le ricerche si stanno infatti concentrando in quella zona della casa. Ad avvalorare l’ipotesi di omicidio è stato anche il comportamento anomalo del giovane, che non ha mai convinto del tutto gli inquirenti. Secondo alcuni testimoni infatti il rapporto di Benno con la sua famiglia era piuttosto burrascoso. Continua dopo la foto


{loadposition intext}
Inoltre, dopo la scomparsa dei due coniugi, alcuni genitori della scuola in cui lavora avevano iniziato ad avere forti sospetti su di lui, tanto da chiederne la rimozione dall’incarico. L’appartamento in via Castel Roncolo, nel quale i due insegnanti in pensione vivevano con il figlio, sarà nelle prossime ore oggetto di interesse. Alla riceda di qualche particolare decisivo.

Ti potrebbe interessare: “Non ho mai perso la speranza…”. Omicidio Yara Gambirasio, svolta per Massimo Bossetti