“Benno ricoverato in Psichiatria mesi fa”. La testimonianza choc: cosa ha fatto il figlio dei coniugi scomparsi a Bolzano

Bolzano, novità sulla scomparsa dei coniugi Neumair.  La rivelazione è avvenuto durante la messa in onda della trasmissione Quarto Grado da parte di una persona molto vicina alla famiglia. Il testimone sarebbe già stato sentito dagli inquirenti mettendo in luce il profilo del figlio dei coniugi di Bolzano, Benno Neumair in carcere con l’accusa di duplice omicidio e occultamento di cadavere.

Alla luce di quanto dichiarato dal testimone, il profilo di Benno Neumair si ricondurrebbe a una personalità di tipo paranoide: “La sorella aveva paura di lui”. La persona molto vicina alla famiglia ha inoltre raccontato di quando il ragazzo ha avuto una crisi molto acuta, durante la quale sarebbe arrivato a minacciare l’ex fidanzata con il coltello. L’arma l’avrebbe poi rivolta verso se stesso. Un episodio che avrebbe portato il ragazzo a essere “ricoverato in Psichiatria”. (Continua a leggere dopo la foto). 


Sulle spalle del ragazzo, in fermo presso il carcere di Bolzano, graverebbe ancora l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere. Il giovane istruttore di fitness verrà ulteriormente interrogato sulla scomparsa dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli. Lo si apprende dalle parole dell’avvocato Flavio Moccia: “Ha un carattere abbastanza forte. E’ provato anche perché non si spiega come mai non si siano trovati i genitori”. (Continua a leggere dopo la foto).

Il legale ha aggiunto: “E’ tristissimo: spera tanto che li trovino. Ha cercato di collaborare con i carabinieri dal primo momento e spera che ci sia questa possibilità. Benno soffre perché non si trovano i suoi genitori”. Nel frattempo alla luce delle immagini catturate dai droni in volo sul fiume Adige, che hanno mostrato la presenza di due macchie sospette sul fondale, rimane confermato l’abbassamento del livello delle acque. (Continua a leggere dopo le foto).

L’operazione è stata confermata dalla società idroelettrica Alperia: “Vista la programmazione della produzione degli impianti in seguito a delle manutenzioni programmate già da tempo sarà possibile un abbassamento dei livelli del fiume Adige per un massimo di 20-30 centimetri. Questo sarà possibile grazie a dei fuori servizi già previsti e programmati da tempo degli impianti di Glorenza, Naturno, Tel e Marlengo, Lana e Brunico”.

Covid Italia, scoppia il mega-focolaio: oltre 100 persone positive e morti. La situazione