Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
allerta biscotti patatine thc bambini

“Attenti ai bambini”. Biscotti, patatine e cereali contaminati e pericolosi: l’allarme del ministero della Salute

  • Italia

Prodotti alimentari sequestrati, scatta l’allerta “di Grado 1”. A comunicarlo l’Istituto superiore di sanità e del Dipartimento politiche antidroga attraverso una nota in merito a biscotti, patatine, cereali e altri alimenti. Ecco cosa è stato riscontrato.

Biscotti e patatine ritirati dal mercato. L’Istituto Superiore di Sanità ha diffuso il seguente comunicato: “Si segnala il potenziale pericolo per consumatori ignari, anche bambini, che potrebbero assumere tali alimenti, del tutto identici ad altri legali presenti in commercio”, si legge nella nota.

Leggi anche: Prosciutto cotto ritirato dai supermercati, marca e lotto: “Non va consumato”

Biscotti e patatine ritirati thc bambini comunicato


Biscotti e patatine ritirati dal mercato. Il comunicato dell’Istituto Superiore di Sanità

Il comunicato si riferisce a biscotti e patatine in particolare, ma anche ad altri alimenti inclusi alcuni cereali contenenti thc, uno dei principi attivi della cannabis. Come riporta Repubblica, il tutto è cominciato a seguito di un sequestro a Bolzano da cui è stata lanciata “l’Allerta di I grado”. Nello specifico: “Destano particolare preoccupazione le esposizioni pediatriche a questi prodotti, per il fatto che i bambini possono soffrire di eventi avversi gravi e prolungati dopo l’ingestione di Thc”.

Biscotti e patatine ritirati thc bambini comunicato

Nel comunicato dell’Istituto si apprende ancora: “In alcuni casi tali prodotti sono già stati collegati a gravi intossicazioni non letali in Europa”. I suddetti prodotti non sono stati trovati solo in Italia ma anche a livello internazionale in Irlanda, Svezia, Regno Unito, Usa e Canada.

Biscotti e patatine ritirati thc bambini comunicato

E riguardo al Thc l’Istituto ha voluto sottolineare che “assunto per via orale può provocare insorgenza ritardata e maggiore durata degli effetti rispetto all’assunzione per inalazione. Una preoccupazione legata a questi prodotti commestibili è il rischio di esposizione involontaria. I consumatori che non sono consapevoli di consumare alimenti contenenti cannabis o che non sono consapevoli dell’insorgenza ritardata dei loro effetti avversi possono consumare quantità eccessive di Thc, aumentandone il rischio”.

E nel caso di ingestione da parte dei bambini “le manifestazioni cliniche da intossicazione sono caratterizzate da letargia, atassia, allucinazioni, depressione respiratoria, riduzione dello stato di coscienza, convulsioni, coma, tachicardia”.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004