Beve una bibita comprata al market e si sente male. 45enne incinta finisce all’ospedale in gravissime condizioni. Ma dopo i controlli nel negozio ‘’incriminato’’ salta fuori l’amara verità: una storia che fa accapponare la pelle…

 

Una donna di 45 anni, incinta, è stata ricoverata in gravissime condizioni  all’ospedale Maggiore di Bologna per aver bevuto una bibita che conteneva soda caustica. Inizialmente si è pensato a un incidente, poi, in serata, la svolta: i carabinieri hanno fermato il compagno della vittima. 

Il pubblico ministero Giuseppe Di Giorgio ha disposto il fermo, per lesioni gravissime, dell’uomo trentacinquenne che avrebbe ammesso di aver versato una sostanza tossica nella bottiglia. Tra le ipotesi, la possibilità che l’uomo volesse indurre un aborto.


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Secondo quanto rivelato dal ‘Il Resto del Carlino’ la donna è stata “ricoverata martedì sera all’ospedale Maggiore di Bologna per un sospetto avvelenamento alimentare”. “La donna, di origine toscana – si legge sul quotidiano – che è incinta e prossima al parto, e che abita nella zona residenziale del capoluogo di Valsamoggia, è in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione e in pericolo di vita per avere ingerito una bevanda gassata avariata o con più probabilità contaminata con una quantità importante di soda caustica”.

(Continua a leggere dopo la foto)

L’episodio della bottiglietta risale a martedì scorso quando la donna, residente a Bazzano (in provincia di Bologna) e di origine toscana, avrebbe iniziato a star male dopo aver ingerito un sorso di bibita gassata. Da qui l’intervento dell’ambulanza, un breve passaggio dall’ospedale Dossetti di Bazzano, e il trasporto d’urgenza a Bologna. Qui i medici hanno potuto constatare che le condizioni di salute della signora erano ben più gravi di quanto appariva inizialmente. La donna presentava infatti delle lesioni all’esofago e allo stomaco, come se avesse bevuto soda caustica o qualcosa del genere. Immediato il ricovero in Rianimazione dove i medici da giorni stanno facendo di tutto per salvare la vita a lei e al bambino che porta in grembo e che dovrebbe nascere tra qualche settimana.

(Continua a leggere dopo la foto)

I carabinieri del Nas e i militari della stazione di Bazzano hanno effettuato delle verifiche al negozio, ma gli accertamenti non hanno portato nessun elemento utile, né la merce è stata sequestrata. L’indagine è quindi proseguita e gli investigatori si sono concentrati su alcune contraddizioni evidenziate dal racconto del compagno. Dopo le iniziali reticenze, il 35enne avrebbe ammesso di essere stato lui a versare la sostanza nella bottiglia di plastica, poi bevuta dalla donna. 

Bevete tè verde in bottiglia? Andateci piano, ecco cosa contiene veramente (che fa male alla salute)

 

Pubblicato il alle ore 08:51 Ultima modifica il alle ore 11:51