Incidente mortale sul lavoro, strage senza fine. Sergio travolto e schiacciato davanti ai colleghi

Tragedia a Spirano, nella provincia di Bergamo, un uomo di 53 anni è morto poco dopo mezzogiorno. Sergio Colpani di Orio al Serio, di professione mulettista, è morto travolto da un camion in retromarcia che non si è accorto della sua presenza. È successo nel cortile interno dell’azienda ‘De Berg’, produttrice di polisterene espanso, dove lavorava. Ad allertare i soccorsi della tragedia alcuni colleghi che hanno assistito all’incidente. Sotto choc il conducente del camion che non si è accorto di quanto successo.

Immediatamente sul posto sono arrivati i soccorsi ma non c’è stato nulla da fare. Sergio Colpani è morto sul colpo. Poco dopo sono arrivati anche gli uomini dei carabinieri ai quali ora spetterà il compito di ricostruire la dinamica. Per ora il corpo resta a disposizione della magistratura di Bergamo, non è chiaro se sarà sottoposto all’autopsia oppure sarà già stasera restituito alla famiglia.

incidente bergamo

Bergamo, terzo incidente mortale in un mese

Si tratta del terzo incidente nella provincia di Bergamo da inizio mese. “Bergamo sta pagando un tributo altissimo alla sicurezza – hanno scritto in una nota unitaria i sindacati Cgil, Cisl e Uil di Bergamo -, con tre morti nel giro di pochi giorni. E oggi, in una vicenda ancora da accertare, una dinamica particolarmente straziante, considerando che non si è verificato un incidente in una attività specifica di quella azienda, ma un investimento da mezzo in manovra”.


incidente bergamo


E ancora: “Ciò deve costringerci a ampliare le vedute in tema di sicurezza, che va allargata anche allo spazio esterno all’azienda e alle azioni di manovra di mezzi esterni”. Chiede più formazione l’Ugl con Paolo Capone, Segretario Generale dell’Ugl. Anche il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, a nome di tutta la Regione, ha espresso “cordoglio e vicinanza” ai familiari dell’ennesima vittima sul lavoro.

incidente


“Ancora una volta – ha detto – ci troviamo di fronte a un lutto grave e ingiustificabile. Come Regione abbiamo incrementato le nostre azioni a salvaguardia dei lavoratori. Un impegno che continuerà a essere costante e, dove possibile, ancora più forte”. Così anche il senatore della Lega Roberto Calderoli, bergamasco, chiede “più controlli, più prevenzione, più misure adeguate, più formazione, più risorse da investire sulla sicurezza sul lavoro. Continuo a chiedere uno sforzo maggiore al ministro del Lavoro, confido di vedere rapide risposte a riguardo”.

Pubblicato il alle ore 13:52 Ultima modifica il alle ore 13:52