Francesco Spadone morto milano

Una coltellata al petto, 34enne muore tra le braccia della moglie. La scena davanti alle figlie di 5 e 2 anni

Un 34enne è stato ucciso a Bergamo da un 19enne a coltellate. La vicenda è avvenuta attorno alle 13 a Bergamo, in via Novelli, vicino alla stazione ferroviaria. 

La vittima è un cittadino tunisino residente a Terno d’Isola, Marouan Tayari, 34 anni, morto tra le braccia della moglie davanti alle figlie di cinque e due anni. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, l’uomo stava passeggiando con la famiglia quando ha avuto una discussione per futili motivi con il 20enne. Sembra che Marouan abbia urtato accidentalmente la spalla del 19enne.

Bergamo, Marouan Tayari accoltellato dopo una lite

Da qui una discussione molto accesa, con il 19enne che poi sarebbe salito a casa, a pochi metri dal luogo della lite, avrebbe preso un coltello a serramanico e sarebbe sceso di nuovo in strada e avrebbe accoltellato il 34enne.  Marouan Tayari è stato colpito al cuore e il fendente non gli ha lasciato scampo. Il ragazzo avrebbe provato a fuggire ma sarebbe stato trovato poco dopo dai carabinieri.


Alessandro Patelli, italiano, 19 anni, è stato fermato dai militari e portato in caserma. Per Patelli il pm Paolo Mandurino ha disposto l’arresto in flagranza per omicidio volontario. La Stampa racconta con maggiori dettagli il diverbio tra i due. “Stai attento a come cammini, non andare addosso alle bambine” avrebbe detto Tayari a Patelli. 

Che a quel punto sarebbe salito a casa sua, vicino a via Novelli, ed è ridisceso con un coltello a serramanico. Si è svolto tutto in una manciata di minuti. Lui fornisce un’altra spiegazione: “Non è vero che stavo andando addosso alle bambine – si è difeso – è stato lui a farmi lo sgambetto e a minacciarmi con un coccio di bottiglia”. 

Pubblicato il alle ore 08:11 Ultima modifica il alle ore 08:11