L’impatto improvviso con la sua auto, Leo non ce l’ha fatta: è morto a 25 anni

Tragico incidente nella serata di ieri 10 febbraio. Un ragazzo di 25 anni ha perso la vita dopo essere finito con la sua auto contro un muro. Leo Wolfango, questo il nome della vittima, ha lottato per ora prima di arrendersi in una sala del pronto soccorso a causa delle gravissime ferite riportate. La tragedia si è consumata in via Nettunese, nel territorio di competenza del Comune di Aprilia.

Secondo le prime informazioni il giovane sarebbe uscito fuori strada intorno alle 4 di notte dopo aver preso con le ruote un istrice che attraversava la strada, andando poi a schiantarsi contro l’albero. Immediato è stato l’intervento dei soccorsi. Oltre al 118, sul posto una pattuglia dei carabinieri e una squadra dei vigili del fuoco che hanno lottato per estrarre il corpo del giovane dalla Lancia Y su cui viaggiava. Continua dopo la foto


Tremenda la scena che si è parata davanti gli occhi dei soccorritori: la macchina aveva la parte anteriore completamente distrutta, con gli airbag scoppiati che però non sono bastati a salvare il ragazzo. Non sarebbero coinvolte altre vetture nel sinistro, quello costato la vita a Leo Wolfango sarebbe un incidente autonomo. Continua dopo la foto

Sin da subito, da quando i Vigili del Fuoco hanno estratto il corpo del 25enne dall’abitacolo della macchina, le condizioni del giovane erano apparse disperate. Nonostante gli sforzi dei medici per salvargli la vita, Leo, originario di Salerno ma residente ad Anzio, è morto poco dopo l’arrivo in ospedale, lasciando nello sconforto i parenti e gli amici, disperati per la sua prematura scomparsa. Continua dopo la foto

{loadposition intext}
La salma è stata messa a disposizione dei familiari, che nei prossimi giorni celebreranno il funerale. Sui social si è riversato un fiume di dolore. Leo Wolfango era molto conosciuto e amato da tutti. Un ricordo, il suo, che non tramonterà.

Ti potrebbe interessare: Muore a 52 anni in un incidente stradale, oggi la notizia che rende orgogliosa tutta la famiglia di Luca: “Sei sempre stato un grande”