elia antonio scolari morto

Tragedia nel comune italiano: Antonio, morto dopo un terribile incidente

Quella della morte di Antonio Elia Scolari è stata una notizia che ha lasciato un’intera comunità sotto choc. Siamo a Cevo, in provincia di Brescia e qui, ancora oggi, nessuno riesce a crederci ancora: è morto in ospedale dopo quattro giorni di agonia il 68enne, da tutti chiamato “Tone”. L’uomo era un consigliere comunale rimasto vittima di un drammatico incidente sabato pomeriggio lungo la strada per il Passo Gavia, a Sant’Apollonia di Ponte di Legno.

Antonio era in sella alla sua moto Guzzi quando si è scontrato con la Ducati di un 30enne bergamasco – A.L. le sue iniziali che saliva verso il Passo, mentre Scolari scendeva. Per il giovane niente di grave: solo lievi ferite . Tuttavia per Antonio Elia Scolari le cose si sono messe male sin da subito: dapprima ha perso conoscenza, dopodiché è stato rianimato a lungo, intubato e stabilizzato è stato poi trasferito in elicottero al Civile, dove è stato ricoverato in codice rosso.

elia antonio scolari morto

Antonio Elia Scolari, l’incidente in moto

L’uomo è rimasto nel nosocomio per qualche giorno aggrappato alla vita, fino a mercoledì quando si è dovuto arrendere: troppo gravi le ferite riportate nell’incidente. Come detto, Antonio Elia Scolari era consigliere comunale, ma anche volontario e organizzatore del gruppo Alpini e della Protezione Civile.


elia antonio scolari morto

Non è ancora stata comunicata la data dei funerali: lo piangono la moglie Giusy e i figli Manuel e Lorena. Subito dopo la notizia, è stata l’amministrazione comunale di Cevo, tramite un post pubblico, a esprimere vicinanza alla famiglia del 68enne.

elia antonio scolari morto

“Dobbiamo comunicare la triste notizia della morte del nostro consigliere comunale Antonio Elia Scolari – si legge in una breve nota – Ci uniamo al dolore della moglie Giusy, al figlio Manuel (dipendente comunale), alla figlia Lorena e a tutti i familiari”. Una perdita per un’intera comunità, ma soprattutto per una famiglia che non potrà più riabbracciare l’uomo, così tanto attivo nel suo comune e nella sua zona.

Pubblicato il alle ore 12:01 Ultima modifica il alle ore 12:01