Questo sito contribuisce alla audience di
Alessandro Bisi Morto Monte Legnone

“È il suo corpo”. Speranze finite per Alessandro, la tragedia dopo ore di ricerche

La notizia più brutta purtroppo è arrivata in queste ore. Trovato morto il giovane Alessandro Bisi, che aveva solamente 21 anni. Di lui si erano perse le tracce dalla giornata del 4 gennaio e immediatamente forze dell’ordine e soccorritori si erano messi alla disperata ricerca del ragazzo. Ovviamente la speranza era quella di ritrovarlo ancora in vita, ma non è stato possibile ottenere questo obiettivo. E c’è un’ipotesi principale alla quale stanno lavorando le autorità, che stanno cercando di dipanare gli ultimi dubbi.

Lo sfortunato Alessandro Bisi aveva deciso di passare una notte in montagna, precisamente sul monte Legnone, a oltre 2.600 metri di altitudine. Si tratta di una delle montagne più importanti situate in provincia di Lecco, in Lombardia. Invece le origini del 21enne erano del varesotto, infatti era natìo di Saronno. Purtroppo però i suoi intenti non sono stati rispettati e per cause in corso di accertamento si è materializzata una vera e propria tragedia, che lo ha strappato alla vita troppo prematuramente.

Alessandro Bisi Morto Monte Legnone Lecco

L’escursionista Alessandro Bisi era dunque sparito nel nulla e subito dopo l’allarme si erano messi al lavoro la Guardia di Finanza, i vigili del fuoco e il soccorso alpino. E grazie anche all’utilizzo di un elicottero è stato possibile rintracciare il cadavere del giovane, localizzato esattamente nel canale Ovest. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, la vittima sarebbe caduta nel vuoto, forse addirittura dalla cima della montagna, e quindi per lui non c’è stato niente da fare e sarebbe deceduto sul colpo.


Alessandro Bisi Morto Monte Legnone Lecco

Purtroppo le brutte condizioni atmosferiche hanno causato la sospensione delle operazioni, utili a recuperare il corpo di Alessandro Bisi, che sarà successivamente riconsegnato ai suoi familiari. Infatti, sulla zona imperversa neve e vento forte. Le ulteriori indagini proveranno a fare chiarezza, anche se sembra ormai chiaro che alla base della sua morte ci sia una fatalità, che si è portato via per sempre un giovane, lasciando nel dolore più profondo amici, parenti e tutti coloro che lo conoscevano.

Un’altra tragedia si è verificata invece qualche giorno fa in Puglia. Era scomparso lo scorso 24 dicembre senza lasciare traccia, nelle ore scorse Marcello Pantaleo è stato ritrovato cadavere. Il suo corpo è stato ritrovato in mare a circa 50 metri dalla costa del litorale di Nardò. A individuare il cadavere del 39enne sono stati due sommozzatori leccesi: era a 22 metri di profondità.

Pubblicato il alle ore 19:24 Ultima modifica il alle ore 19:25