Alberto Cabrio Morto Incidente Monopattino

Nuovo dramma sulla strada. Lo scontro è violento, Alberto muore a 33 anni

Nuova tragedia della strada in Italia. Ed è sempre una giovane vittima ad essere stata spezzata prematuramente, lasciando parenti e amici in un dolore indescrivibile. Una drammatica fatalità ha ucciso Alberto, che aveva 33 anni. L’impatto è stato devastante e, quando i soccorritori sono stati chiamati e giunti sul posto, era ormai già tardi. Purtroppo le ferite riportate dall’uomo erano troppo gravi e il suo cuore ha smesso di battere poco dopo il sinistro. E i medici hanno quindi constatato il suo decesso.

Era conosciuto e molto amato nella sua zona, infatti simpaticamente era noto con il soprannome di ‘Bertu’. Secondo quanto si può evincere dando anche uno sguardo sui suoi profili social, dove era solito pubblicare diverse immagini, il 33enne aveva una grande passione nei confronti delle automobili ed era anche l’amministratore di una pagina Facebook del suo paese di origine. Amava particolarmente l’Alfa Romeo, anche se l’incidente di cui è rimasto vittima è avvenuto mentre era a bordo di un monopattino.

Alberto Cabrio Morto Incidente Monopattino Roppolo

La morte ha raggiunto Alberto Cabrio nella serata del 22 novembre. Il suo monopattino è stato travolto da un’auto, per l’esattezza una Mercedes Classe A. Lo scontro è stato molto grave e non è riuscito ad evitarlo. L’area in cui si è verificato l’incidente mortale di Alberto Cabrio è stata precisamente la strada provinciale 228, nei pressi di Roppolo, in provincia di Biella. Era diretto verso il comune di Viverone. Il suo paese di origine era invece Dorzano ed era dunque amministratore della pagina “Sei di Dorzano se”.


Alberto Cabrio Morto Incidente Roppolo

Alberto Cabrio usava moltissimo il monopattino elettrico e proprio con questo mezzo di trasporto è purtroppo sopraggiunto il decesso, verificatosi nelle vicinanze di una pescheria. Oltre ai sanitari del 118, sul luogo dell’incidente si sono recati anche gli agenti della polizia stradale. Hanno effettuato i rilievi del caso e spetterà adesso a loro fare chiarezza ed accertare eventuali responsabilità. Nel frattempo c’è un’intera comunità in lutto, che non riesce a darsi pace per questo dramma improvviso.

Stando a quanto emerso, Alberto Cabrio pare non avesse con sé né il casco né il giubbetto catarifrangente. Il 33enne è stato il primo ad essere deceduto in provincia di Biella con il monopattino. La Mercedes avrebbe anche proseguito la sua corsa per circa cento metri, prima di accorgersi dell’impatto con la vittima. Purtroppo gli è stato fatale l’urto contro un muretto.

Pubblicato il alle ore 12:09 Ultima modifica il alle ore 12:09