“Aiuto, che orrore!”. Sembrava una serata tranquilla sul lungomare, uno dei più belli e frequentati d’Italia. Ma a un certo punto il caos. Tutti in fuga, il panico. Ecco la scena che ha terrorizzato migliaia di persone. Assurdo!

 

Adesso, immaginate di stare con la vostra fidanzata seduto su un panchina. Il vento vi accarezza la pelle, magari le tenete la mano e le state sussurrando frasi d’amore. Di sfuggite leggete che Higuain è passato alla Juve, capite di getto che la vostra squadra potrebbe vincere dopo vent’anni la Champions League e il cuore ha un sussulto.

Nel frattempo, gli occhi di lei sembrano accendersi è il momento del bacio e, proprio in quel frangente arrivano loro: un’orda di topi grossi come il maestro Splinter e in un numero così vasto che in confronto il pifferaio di Hamelin non è altro che un buon dilettante. Drammatica fantasia? Neanche per sogno.


(continua dopo la foto)

{loadposition intext} 

 

Succede a Salereno ratti sul lungomare Trieste mette in fuga decine di persone mentre consumavano pizze e panini sedute sulle panchine. È accaduto sabato sera sulla promenade del centro dove intorno alle 22,30 si sono registrate scene di panico da parte di famiglie con bambini a spasso costrette ad allontanarsi precipitosamente a causa della presenza di decine di ratti che all’improvviso hanno invaso due aiuole nel tratto del lungomare compreso tra piazza Cavour e l’inizio della spiaggia di Santa Teresa.

(continua dopo la foto)

Gli animali sono sbucati dai palmeti alle spalle delle persone sedute. Un assalto in piena regola di ratti di grosse dimensioni che non è passato inosservato a quanti stavano consumando una pizza in tutta tranquillità. È chiaro che i roditori sono stati richiamati dall’odore del cibo e da altri residui alimentari abbandonati incivilmente da altri frequentatori. Sfumato l’idillio, c’è sempre la speranza Champions, una consolazione non da poco.

Dramma e tremenda vergogna a Salerno! Un “branco” trascina con la forza una ragazzina in un garage. Ed è choc in tutto il paese. Ecco cosa è successo e le conseguenze…

Pubblicato il alle ore 10:57 Ultima modifica il alle ore 11:32