Musica in lutto, addio ad Agnese. La cantante se n’è andata a soli 35 anni

Lutto nel mondo della cultura e della musica. È morta a 35 anni la cantante salentina Agnese Perulli. Il dramma si è consumato nella mattina di sabato 9 maggio in una casa di campagna di Arnesano, comune italiano di 4mila abitanti della provincia di Lecce, in Puglia. Precisamente in via Materdomini.

È stato proprio l’uomo ad allertare i soccorsi, una volta ritrovatala nella camera da letto dove aveva dormito. Ma all’arrivo del personale del 118 per lei non c’era più nulla da fare. Gli accertamenti dei carabinieri della stazione di Monteroni e della polizia municipale di Arnesano hanno poi confermato la morte per cause naturali: Agnese Perulli è stata stroncata da un arresto cardiaco. La ragazza combatteva contro il cancro e sui social raccontava la sua battaglia. (Continua a leggere dopo la foto)


“Il cancro è il mio grande nemico, e più passa il tempo più cerca di usare i manuali dell’arte della guerra per abbattere il suo nemico, che sono io – scriveva il 26 dicembre – Il cancro si sta insediando nella colonna vertebrale vicino al midollo e rischi di rimanere paralizzata per sempre a un movimento sbagliato, e quindi sei costretta a corazzarti, indossando un sexy busto che profuma di sofferenze artistiche, di Frida Kahlo e della casa d’Azul”. (Continua a leggere dopo la foto)

Sono stati i militari (competenti sul territorio comunale di Arnesano) a raggiungere l’abitazione di via Materdomini allertati dalla proprietaria di casa. La ragazza era già morta. I medici del 118 non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Perulli era originaria di Panama, ormai leccese d’adozione. Aveva fatto della musica la sua vita, ed era molto conosciuta negli ambienti culturali della zona. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Dopo il ritrovamento, su disposizione del pm di turno la salma è stata trasferita nella camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, a disposizione dell’autorità giudiziaria per eventuali accertamenti. Tantissimi i messaggio sui social: “Oggi lo faccio io per te.. tu continua a cantare per noi da lassù! Ci mancherai”, “Ciao Agnese, grazie di tutto”, “Nella certezza che oggi non abbiamo perso che un involucro, come diceva lei, e che ci faranno compagnia le tue parole, i tuoi pensieri e la tua voce inimitabile, vogliamo ricordare e salutare oggi una grande donna, Agnese Perulli. Un abbraccio libero per te”.

Uccide la moglie a coltellate davanti ai figli: il sindaco sente le urla e scopre l’orrore