A oltre un anno dall’ultimo avviso, Ikea lancia un nuovo richiamo per un prodotto che può mettere a rischio la vita dei più piccoli

 

Un annuncio che c’era già stato lo scorso giugno 2016, quello delle cassettiere Ikea ribattezzate “killer” dalla stampa a causa della morte di alcuni bambini rimasti schiacciati dal peso del mobile, che troppo facilmente finiva per staccarsi dal muro al quale era appoggiato per cadere sui piccoli che si avvicinavano troppo per giocare. Il colosso dell’arredamento svedese aveva così optato per il ritiro dell’articolo, prima che i drammatici casi di cronaca nera finissero per moltiplicarsi. Oggi, a oltre un anno di distanza, ecco arrivare un nuovo richiamo: il prodotto incriminato è la cassettiera Malm, prodotta in oltre 29 milioni di esemplari prima che arrivassero le prime polemiche ad accompagnare, purtroppo, delle tragedie davvero strazianti. Otto in totale erano state le giovanissime vittime di incidenti domestici, rimaste uccise dal rovesciamento del mobiletto che se non fissato attentamente rischiava di trasformarsi in una trappola mortale tra le mura domestiche. Il provvedimento non è però valido in tutto il mondo e l’Italia da questo punto di vista non corre al momento alcun tipo di rischio. (Continua a leggere dopo la foto)


Il richiamo dell’articolo voluto da Ikea interessa infatti soltanto gli Stati Uniti e il Canada, territori in cui sono stati venduti modelli troppo pericolosi. Nell’Unione Europea l’azienda non ha invece mai riscontrato problemi con il tipo di prodotto messo in vendita. All’epoca del primo annuncio c’erano già state sei vittime, ma nonostante il clamore e l’avvertimento a tutti gli acquirenti di portare indietro i mobili pericolosi, altri due piccoli erano morti. L’ultimo caso è avvenuto lo scorso ottobre, sempre in territorio americano. (Continua a leggere dopo le foto)

{loadposition intext}

Jozef Dudek, di appena 2 anni, originario di Buena Park in California, era infatti stato trovato dal padre sepolto da un mobile Da quella tragedia erano riesplose le polemiche nei confronti di Ikea accusata di aver fatto troppo poco per comunicate la pericolosità di alcuni suoi accessori. L’azienda ha così rilanciato l’annuncio di ritiro delle cassettiere. Il Ceo del colosso di origine svedese, Lars Petersson, ha assicurato che Ikea ha messo in piedi una vasta campagna di comunicazione attraverso i social media, il suo sito ed inserzioni in tv e sulla carta stampata.

“Ikea, questa sì che è una notizia bomba!”. L’ultima novità è davvero una rivoluzione per il colosso svedese e, soprattutto, riguarda proprio tutti. Ci scommettiamo: piacerà anche a voi. I dettagli