Coppia dell’acido, la studentessa accusa: ”È stato il terzo uomo a sfregiare Pietro…”


 

Coppia dell’acido, a seguito della condanna in primo grado a 14 anni di carcere, emergono nuove indiscrezioni sul caso dell’aggressione a Pietro Barbini, assalito la sera del 28 dicembre 2014 a Milano. Martina Levato, la studentessa bocconiana, ha fornito agli inquirenti una nuova versione dell’attacco, riportata riportato nelle due pagine consegnate ai giudici prima della condanna che ha colpito anche il suo amante Alex Boettcher. La studentessa sostiene che a pensare all’acido come arma dell’aggressione fu un terzo uomo, Andrea Magnani, bancario e amico di allenamenti della ragazza e non condannato.

(Continua a leggere dopo la foto)



Scrive la Levato sull’attacco a Barbini: ”Andrea lancia l’acido per primo, mirando al volto di Pietro, io effettuo un lancio colpendo Pietro all’altezza delle spalle e del collo. Nel tentativo di un secondo lancio, Magnani colpisce anche me, che mi ritrovo leggermente più avanti,e mi ferisce sulle gambe e sulla regione lombare”. A riportare la ‘nuova ricostruzione‘ dell’assalto è il quotidiano ‘Il Giorno’. Una ricostruzione che, per certi versi, è simile a quella data da Alex, che ha dichiarato di essersi ritrovato in via Carcano senza avere idea di quello che sarebbe successo, giungendo sul posto solo per appuntamento concordato con la Levato. Il 5 luglio prossimo si aprirà un nuovo processo per i due, accusati di altri casi di sfregio.

Potrebbe anche interessarti: Aggressione con l’acido, condannata la “coppia diabolica”: ecco la decisione del tribunale