I vigili si addormentano in auto: sparisce l’autovelox che avevano piazzato


Quei vigili tutti di un pezzo alla Otello Celletti, interpretato da Alberto Sordi, sembrano non esistere più. E nella stessa città del vigile senza macchia a esenza paura, due agenti della Municipale vengono beffati da un ignoto. Stavano facendo il turno di notte in zona Casilina quando il sonno “li ha colti” all’improvviso. Un pisolino in servizio che è costato caro. Perché in quei momenti sono stati derubati dell’autovelox, apparecchiatura tanto odiata dagli automobilisti quanto costosa per l’amministrazione. Secondo le prime informazioni si tratta peraltro di una “macchinetta” di ultima generazione, parecchio costosa. Il tutto era montato all’esterno, sul tradizionale cavalletto, per immortalare i trasgressori. Che, evidentemente, mentre i solerti rappresentanti della polizia di Roma capitale sognavano il sorpasso della Magica ai danni della Juventus, hanno pensato di portarsi via l’autovelox. Diverse le ipotesi: un atto di sabotaggio, o il  solo il valore della macchina fotografica con obiettivo potrebbe esserne la causa. O magari qualcuno, accortosi di essere stato fotografato oltre i limiti di velocità, potrebbe avere pensato di eliminare ogni traccia. E i vigili “dormienti” saranno ora chiamati a risarcire il comune.

Autovelox, se arriva dopo novanta giorni la multa non vale. Il ministro conferma

“Occupa suolo pubblico”: i vigili multano una statua

Patente e libretto con nomi diversi, ecco cosa dire se vi fermano…







 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it