Trovato il cadavere di una donna, il dna conferma: è Gilberta, la prof scomparsa


Svolta, purtroppo negativa, per il giallo sulla scomparsa di Gilberta Palleschi, la professoressa sparita circa un mese fa da Sora, in provincia di Frosinone. Un cadavere di donna è stato rinvenuto nelle campagne di Campoli Appennino, non molto lontano dal luogo della scomparsa. La conferma arriva dalla procura di Cassino, mentre è ancora in caserma il fratello, Roberto Palleschi, convocato dalla compagnia dei carabinieri di Sora per effettuare il riconoscimento dei resti e il test del dna. Per avere la certezza che possa trattarsi dell’insegnante d’inglese, infatti, sarà effettuato anche il riconoscimento genetico. Per questo motivo i familiari che dovranno consegnare in procura alcuni oggetti personali appartenuti alla donna.

(continua dopo la foto)



Gilberta, 57 anni, era uscita a fare jogging e non è più tornata. Per giorni i vigili del fuoco e le forze dell’ordine hanno setacciato invano la zona che lei frequentava. Numerosi gli appelli lanciati dalla famiglia di questa insegnante di scuola media. Ora il ritrovamento del cadavere poco distante dalla zona in cui è stata vista l’ultima volta. L’avvocato della famiglia Palleschi ha spiegato che il corpo della donna è stato scoperto in una sorta di cava alla fine di una lunga strada isolata e sterrata. Non una zona di montagna, un posto ugualmente isolato, ma più vicino a Broccostella e alla località San Martino, ultimo luogo in cui Gilberta è stata avvistata mentre faceva jogging.

Il giallo della prof scomparsa nel nulla. “Amata da tutti, impegnata nel sociale”

La scomparsa di Guerrina, foto di suore nude nel pc del prete indagato