“Strangolato e gettato nel canale” Così è morto il piccolo Loris


È stato strangolato. L’autopsia sul corpo di Loris Stival conferma che la morte del bimbo di 8 anni di Santa Croce Camerina, nel ragusano, non è stata un incidente. Qualcuno lo ha preso sabato mattina davanti alla scuola dove lo aveva accompagnato la madre e poi lo ha abbandonato cadavere nel canale vicino al vecchio mulino dove è stato ritrovato qualche ora dopo. Quel qualcuno, probabilmente, aveva conquistato la sua fiducia (continua dopo la foto)








L’ipotesi più accreditata dagli inquirenti è che Loris non sia stato ucciso vicino al mulino, ma che si stato portato lì dopo, l’assassino si è voluto sbarazzare del corpo in un luogo isolato. Intanto, una sua compagna di scuola ha detto di averlo visto sabato mattina, poco prima che sparisse. “È sceso dall’auto della mamma ed è andato verso il chioschetto per comprare il panino. Poi mi sono allontanata e non l’ho più visto” ha raccontato la bambina di 10 anni. Il comune di Santa Croce Camerina ha dichiarato il lutto cittadino nel giorno in cui si terranno i funerali.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it