Attentato, ucciso ambasciatore italiano e carabiniere. Assalto durante un’operazione in RD Congo


L’ambasciatore italiano nella Repubblica democratica del Congo Luca Attanasio ed un carabiniere, a quanto si apprende, sono rimasti uccisi in un attacco contro un convoglio delle Nazioni Unite nell’est del Paese. L’attacco è avvenuto vicino alla città di Kanyamahoro intorno alle 10.15. L’attacco era parte di un tentativo di sequestro, secondo quanto reso noto dal Virunga National Park. Diversi gruppi armati operano nella zona di Virunga, al confine tra Congo, Ruanda e Uganda, nell’est del paese.

La notizia viene così riferita dal ministero degli Esteri: “È con profondo dolore che la Farnesina conferma il decesso, oggi a Goma, dell’Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo Luca Attanasio e di un militare dell’Arma dei Carabinieri. L’ambasciatore ed il militare stavano viaggiando a bordo di una autovettura in un convoglio della MONUSCO, la missione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione nella Repubblica Democratica del Congo”. (Continua a leggere dopo la foto).






Luigi Di Maio ha manifestato il suo dolore non appena appresa la notizia del decesso dell’Ambasciatore italiano e del carabiniere. Il ministro, in quel momento,  si trovava al Cae di Bruxelles. E sulle pagine de Il Fatto Quotidiano si apprende che “un diplomatico di alto rango a Kinshasa ha spiegato all’Afp che Attanasio è morto “in seguito alle ferite riportate” dopo essere stato colpito dai proiettili esplosi dagli assassini contro il convoglio. (Continua a leggere dopo la foto).






L’Ambasciatore Attanasio era nato a Milano e poco dopo aver preso il titolo di laurea presso l’Università Commerciale Luigi Bocconi, nel 2003 ha intrapreso la carriera diplomatica prima alla direzione per gli Affari Economici, Ufficio sostegno alle imprese, poi alla segreteria della direzione generale per l’Africa. Dal 2006 al 2010 era capo dell’Ufficio Economico e Commerciale presso l’Ambasciata d’Italia a Berna e fino al 2013 console generale reggente a Casablanca, Marocco. (Continua a leggere dopo le foto).



Il ritorno in Africa in qualità di primo consigliere presso l’ambasciata d’Italia in Abuja, Nigeria è avvenuto nel 2015) e dal 31 ottobre 2019 è stato confermato in sede in qualità di Ambasciatore Straordinario Plenipotenziario accreditato in RDC. Sposato, era padre di tre bimbe. Il corpo di Luca Attanasio è stato trovato morto, poi portato all’ospedale di Goma. Stando alle fonti contattate dalle agenzie italiane, una delle persone a perdere la vita sarebbe l’autista di una delle due vetture con a bordo i rappresentanti dell’organismo Onu, nonché una delle guardie del corpo della delegazione italiana.

Lacrime per Jessica, 26 anni e campionessa di fitness. Una morte senza senso

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it