“Uccisa e bruciata”. Orrore nella provincia italiana, il cadavere di Roberta, 17 anni, trovato in un burrone. Confessa il fidanzato di 19 anni


Una brutta storia arriva da Caccamo, in provincia di Palermo, e precisamente da Monte San Calogero. Qui è stato ritrovato, in un burrone, il corpo senza vita di una ragazza di 17 anni. A svelare il luogo in cui si trovava la vittima è stato il fidanzato diciannovenne, P. M. le sue iniziali, che ha avvertito i carabinieri. La mattina di domenica 24 gennaio il ragazzo si è presentato in caserma per fare una dichiarazione sconcertante.

Il giovane si è presentato dai carabinieri in compagnia di suo padre e un avvocato e, secondo quanto riportato da Adkronos, avrebbe confessato di aver ucciso la fidanzata. I carabinieri si sono subito recati sul posto e hanno effettivamente verificato la veridicità dell’atroce racconto. Il corpo della ragazza, Roberta Siragusa, è stato trovato parzialmente carbonizzato. Per il recupero del corpo sono intervenuti anche i vigili del fuoco. (Continua a leggere dopo la foto)






Il corpo senza vita della 17enne è stato ritrovato in un burrone sul Monte San Calogero, nel palermitano. Le indagini sono al momento condotte dai carabinieri di Termini Imerese e dalla Procura per i minorenni di Palermo. Il ragazzo, fidanzato della vittima che ha confessato l’omicidio, si trova in queste ore sotto interrogatorio. Gli investigatori stanno ascoltando anche diversi altri giovani per ricostruire quanto avvenuto nella sera di sabato 23 gennaio. (Continua a leggere dopo la foto)






Sul posto del ritrovamento del cadavere parzialmente carbonizzato sono giunti i carabinieri, i vigli del fuoco, il medico legale, il pm di turno e anche gli uomini della scientifica per eseguire i rilievi e scoprire magari tracce significative. Stiamo parlando in particolare della contrada Monte Rotondo. In ogni caso al momento sono ancora pochi gli indizi e le informazioni in mano agli investigatori. Sul movente, ad esempio, non si sa nulla. Né sulle modalità con cui la giovane è stata uccisa. (Continua a leggere dopo la foto)



Sicuramente gli inquirenti si aspettano di rispondere a tutte le domande attraverso l’interrogatorio del ragazzo che ha confessato l’omicidio e poi rivelato il luogo in cui si trovava il corpo della vittima. “L’ho uccisa” avrebbe semplicemente detto il fidanzato 19enne di Roberta. Nelle prossime ore conosceremo senz’altro maggiori dettagli su questa brutta vicenda.

Ucciso e bruciato per rubargli 600 euro di pensione: alla fine lo hanno scoperto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it