Nuova zona rossa per 14 giorni: 1 persona su 4 positiva al Covid. La decisione della regione


L’emergenza coronavirus sta attenuando la sua forza in questi giorni in tutta Italia. Continuano infatti a calare fortunatamente i ricoveri in terapia intensiva, i ricoveri nei reparti ordinari nei vari ospedali e anche il rapporto tra test e positivi. In attesa dell’ufficialità del nuovo Dpcm, che entrerà in vigore dal 4 dicembre, giunge una notizia non positiva in una parte specifica del nostro Paese. Ciò testimonia che l’attenzione deve rimanere sempre alta e che non è ancora finita.

Nella regione Campania e in particolare nella città di Napoli è stato deciso di testare numerose persone rom che vivono nel campo di Scampia per capire quanti di loro abbiano contratto il Covid-19. E il dato emerso è stato più che preoccupante. Il personale della Asl Napoli 1 si è recato nel campo rom e ha fatto i test a bambini, anziani e adulti. Secondo quanto fin qui riferito, su 370 tamponi eseguiti 95 persone sono positive al nuovo coronavirus. E la regione è subito intervenuta. (Continua dopo la foto)






Dunque, il 25,68% dei residenti nel campo hail Covid-19. Tutto questo ha fatto preoccupare non poco perché i rom sono sempre in giro per la città. Infatti, chiedono l’elemosina in strada, all’interno delle stazioni, sui treni e sugli autobus e sono quindi a stretto contatto con altre persone. Per questa ragione il governatore Vincenzo De Luca ha disposto l’istituzione di una zona rossa lungo la Circumvallazione esterna di Scampia, proprio dove è situato il campo rom in questione. (Continua dopo la foto)






Allo stato attuale la zona rossa avrà una durata minima di 14 giorni, ma non è escluso che possa essere prorogata nel caso in cui la situazione dovesse peggiorare. Per contrastare l’aumento del contagio le forze dell’ordine dovranno far rispettare l’ordinanza regionale. Disposto l’isolamento sia diurno che notturno. Sul posto è presente anche l’Esercito. Nei prossimi giorni si saprà sicuramente qualcosa in più una volta che saranno testate ulteriori persone del campo. (Continua dopo la foto)



Con un nuovo decreto legge il Governo ha fissato le norme anti-contagio in vigore per il periodo di feste ormai imminente. Le regole valgono dal 4 dicembre e per quanto riguarda gli spostamenti non ci saranno distinzioni tra zone rossa, arancione o gialla. L’obiettivo è quello di limitare fortemente il contatto interpersonale in un periodo dell’anno in cui tradizionalmente si svolgono pranzi, cenoni e feste con molte persone.

8 dicembre e misure anti Covid. Spostamenti, locali, negozi: cosa si può fare e cosa è vietato

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it