“Trasferito”. Alex Zanardi, la conferma dopo mesi di silenzio: le condizioni del campione paralimpico


Uno scontro terribile con la handbike contro un tir nei pressi di Pienza, in provincia di Siena. È l’incidente che ha coinvolto lo scorso Alex Zanardi, ex pilota di automobilismo. Immediatamente stato trasferito in condizioni “gravissime” all’ospedale di Siena, dove è stato sottoposto a un intervento di neurochirurgia d’urgenza per provare a ridurre le conseguenze dell’impatto con un mezzo pesante.

L’ex pilota di Formula 1 si trovava in Val d’Orcia per una delle tappe della staffetta tricolore di Obiettivo 3, progetto di avviamento allo sport per atleti disabili, che vede tra i partecipanti atleti paralimpici in handbike, bici o carrozzina olimpica. Il percorso della staffetta, partita da Sinalunga (Siena), prevedeva l’arrivo a Montalcino (Siena), nella frazione di Castelnuovo dell’Abate. (Continua dopo la foto)






Da allora Zanardi ha iniziato una lunga lotta per la sopravvivenza ed è stato anche trasferito all’ospedale San Raffaele di Milano. Quando è arrivato nella struttura milanese Zanardi era “in condizioni di grave instabilità neurologica e sistemica”. Adesso arriva la notizia – sempre diffusa dal San Raffaele – che l’ex pilota è stato trasferito nell’ospedale di Padova per proseguire la riabilitazione. La motivazione è duplice: la struttura padovana è dotato di tutte le specialità cliniche per seguire Zanardi e si trova vicino alla zona in cui vive la famiglia. (Continua dopo la foto)






Come si legge in un comunicato diffuso dall’ospedale milanese, Zanardi “ha affrontato dapprima un periodo di rianimazione intensiva, quindi un percorso chirurgico, in primo luogo per risolvere le complicanze tardive dovute al trauma primitivo e in seguito per la ricostruzione facciale e cranica. Negli ultimi due mesi, ha potuto intraprendere anche un percorso di riabilitazione fisica e cognitiva. Ad Alex e alla sua famiglia tutto l’ospedale augura un futuro di progressivo miglioramento”. (Continua dopo la foto)

 



 

Ora è stato trasferito a Padova: “Il paziente – spiega il comunicato – ha raggiunto una condizione fisica e neurologica di generale stabilità che ha consentito il trasferimento ad altra struttura ospedaliera dotata di tutte le specialità cliniche necessarie e il conseguente avvicinamento alla famiglia”.

Coronavirus, approvato il decreto ‘Ristori-ter’: chi può richiedere i nuovi aiuti del governo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it