Nuovo dpcm, si possono invitare gli amici a casa? Tutte le informazioni utili


Proprio lo scorso giorno è stato firmato il nuovo Dpcm, e con svariate valutazioni  l’Italia è stata suddivisa in zone mediante fasce di colore. Ad ogni colore corrisponde la condizione di criticità in cui riversa il territorio in base alla diffusione del Coronavirus.

Com’è di facile immaginazione in certe aree le chiusure saranno maggiori , mentre in altre le misure restrittive saranno allentate e consentiranno una circolazione certamente più libera. Ed ecco che la domanda sorge di nuovo spontanea: possiamo invitare gli amici a casa? Il nuovo regolamento presenta delle ombre. Proviamo a far luce. (Continua dopo le foto)











Consideriamo che nella zona Rossa è un lockdown light, non è tutto chiuso e i motivi per uscire da casa sono di più che durante il primo ‘fermi tutti’. Il Dpcm non prevede l’avere sempre con sé l’autocertificazione, diventa necessario solo negli spostamenti per lavoro, necessità e urgenza da e per una regione Rossa o all’interno della stessa area. Non bisogna portarla se si va a fare sport, ma non è chiaro se sia necessaria ad un genitore che si muove per portare o andare a prendere i bambini che vanno a scuola. Meglio di sì. (Continua dopo le foto)



Ma veniamo al sodo: si possono invitare pochi amici o familiari a casa? Sugli inviti a casa le regole si sono trasformate tre volte in tre settimane. Prima era permesso ospitare fino a sei persone, poi è stato raccomandato di non invitare a casa alcuna persona non convivente, adesso il Dpcm non ne fa più parola. La raccomandazione è sempre quella: indossare la mascherina a casa propria se in presenza di persone non conviventi. Preso atto di ciò, la possibilità di invitare o meno qualche amico o familiare a nella propria abitazione è lasciata al senso di responsabilità di ognuno.

“Lo ha preso a schiaffi!”. GF Vip, Patrizia De Blanck sciocca inquilini e pubblico. Tutti d’accordo: “Sta esagerando”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it