Coronavirus, ipotesi lockdown totale già da lunedì: ecco le città a ‘rischio’


Sempre più concreto il rischio lockdown per le grandi città. E già a partire da lunedì. Ormai da giorni si parla della chiusura totale delle attività soprattutto nei grandi centri per cercare di contenere l’ondata dei contagi da Coronavirus. Il governo sta pensando a un lockdown più rigido visto che le misure fino ad ora adottate non hanno prodotto gli effetti sperati.

Come si legge su un articolo pubblicato dal Corriere della Sera a firma di Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini, potrebbero scattare le prime zone rosse a partire da lunedì, con limitazioni degli spostamenti e chiusura, almeno parziale, delle attività. Le prime ad essere interessate sarebbero le aree metropolitane: Milano, Napoli, Bologna, Torino e Roma . (Continua dopo la foto)






Insomma le grandi città sono gli osservati speciali in questo momento. E il fronte del rigore all’interno del Governo si rafforza sull’onda dei numeri del contagio (ieri 31mila positivi in Italia su 215.085 tamponi analizzati) e spinge per la chiusura delle scuole e sospendere le lezioni in presenza in tutta Italia, anche per elementari e medie. Nel frattempo il virus corre e, anche se il premier Conte era determinato ad attendere ancora qualche giorno per poi procedere con un nuovo Dpcm tra l’8 e il 9 novembre, nell’entourage del presidente del Consiglio ammettono che “la situazione epidemiologica cambia in fretta”. (Continua dopo la foto)






 

Si tratta, pertanto, con la Regione Lombardia e con il sindaco Sala per il blocco dell’area metropolitana di Milano. Il blocco dell’area metropolitana – si legge sul Corriere – comporterebbe il divieto di spostamento per i cittadini e il blocco di tutte le attività ad esclusione di quelle essenziali: sarebbe operativo da lunedì. (Continua dopo la foto)



 

E questa misura potrebbe essere presa anche per le altre gradi città come Napoli, Bologna, Torino e Roma. Infatti nella Capitale i postivi nelle ultime 24 ore sono oltre 2.200, con un rapporto tra nuovi contagiati e tamponi dell’8,8 %. In Campania tutte le scuole, nidi compresi, sono state chiude dal governatore Vincenzo De Luca. il governatore De Luca ha chiuso tutte le scuole, nidi compresi e la scelta ha innescato un duro scontro nel governo.

Patrizia De Blanck, beccata: pensava di farla franca ma si è visto (e sentito) tutto al GF Vip

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it