Coronavirus, nuovi record per contagi e vittime nelle ultime 24 ore


Sono ancora in aumento i contagi da coronavirus in Italia. È quanto riporta il Ministero della Salute nel bollettino ufficiale delle ore 17. Dati che preoccupano. Oggi si registrano 21.994 nuovi, con oltre 174mila tamponi. Lo ha detto il Direttore Generale della Prevenzione del ministero, Gianni Rezza, durante un punto stampa al ministero.

“La Lombardia ha oltre 5mila casi, è una regione con oltre 11 milioni di abitanti. Molto alta è la Campania con 2761 nuovi casi riportati e il Piemonte con oltre 2400. C’è un lieve incremento nel Lazio e nella Toscana”, ha spiegato Rezza. (Continua a leggere dopo la foto)






“Abbiamo un trend dell’epidemia in aumento, che è stato più marcato nelle ultime 2-3 settimane. Abbiamo un numero di decessi ancora relativamente limitato e l’occupazione delle terapie intensive è al di sotto al livello di guardia. I posti sono aumentati”, ha aggiunto. Sono invece 1.411 I pazienti ricoverati in terapia intensiva, 127 in più rispetto a ieri. (Continua a leggere dopo la foto)






Il numero dei ricoveri ordinari è salito di 958, contro i 991 di ieri, portando il totale a 13.955. Ieri il bollettino contava 17.012 contagi e 141 morti. Intanto a Milano per il momento non è necessario un nuovo lockdown. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, in collegamento con Dataroom di Milena Gabanelli sulle affermazioni di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza, per l’emergenza Covid-19 che ha chiesto un lockdown per Milano e Napoli. (Continua a leggere dopo la foto)



 

“Non mi hanno consultato. Non credo che sia così nel rispetto di Ricciardi. Ho appena ricevuto un sms di un virologo di cui mi fido molto, che dice che ieri c’erano circa 80 pazienti intubati a Milano e 200 in Lombardia. La conclusione – ha spiegato – è che, anche nella peggiore delle ipotesi, avremmo 10-15 giorni per decidere un eventuale lockdown”.

“Addio Mariano”. Una vita per gli altri, ma a 58 anni il Covid non ha avuto pietà

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it