Coronavirus, giornata nera in Italia: boom di contagi, decessi e ricoveri in intensiva


“Alcune aree metropolitane come Milano, Napoli e probabilmente Roma, sono già fuori controllo dal punto di vista del controllo della pandemia, hanno numeri troppo alti per essere contenuti con il metodo tradizionale del testing e tracciamento. E, come insegna la storia di precedenti epidemie, quando non riesci a contenere devi mitigare, ovvero devi bloccare la mobilità. Ci troviamo come nel 1400 a Venezia, nonostante le tecnologie di cui disponiamo”.

Lo ha detto Walter Ricciardi, professore di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica e consigliere del Ministro della Salute Roberto Speranza, durante il webinar ‘Pandemia di Covid-19 in Italia: riflessione sugli aspetti epidemiologici, clinici e di Sanità pubblicà, organizzato. Difficile la situazione in Lombardi dove l’ospedale Covid di Fiera di Milano sta tornando operativo. Continua dopo la foto






I casi positivi in Lombardia sono 4126 raddoppiati rispetto ad ieri quando erano 2023. Quasi il doppio anche quelli di Milano e provincia, oggi 1858 a fronte dei 1054 di ieri. La crescita del rapporto tamponi/positivi è invece inferiore al 2 per cento per effetto del record di esami eseguiti. Numeri che hanno spinto il governatore Fontana a inasprire le restrizioni. Continua dopo la foto






Da domani scatterà in Lombardia il coprifuoco dalle 23 alle 5, ci si potrà spostare soltanto per “comprovate esigenze lavorative”. L’esigenza di nuove misure restrittive – decise d’intesa con i primi cittadini delle 12 principali città lombarde – è legato al “trend dei contagi” che “fa ritenere necessaria l’adozione di misure urgenti restrittive specifiche”. Continua dopo la foto



 


In totale, oggi 21 ottobre, sono 15.199 i nuovi casi di coronavirus in Italia. Lo rende noto il ministero della Salute. I decessi nelle ultime 24 ore sono 127 e portano a 36.832 il totale delle vittime dall’inizio dell’emergenza. Da ieri sono stati eseguiti 177.848 tamponi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 926, con un incremento di 56 unità. Numeri che ora spaventano davvero.

Ti potrebbe interessare: Giovane mamma sbranata dai cani mentre passeggia. Aveva 36 anni, lascia 4 figli

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it