Esce per mangiare la pizza con gli amici, Michele lo trovano morto 15 giorni dopo


Peschici, la scoperta sopraggiunge dopo 15 giorni di straziante attesa. La storia di Michele Mastromatteo non finisce come per giorni si è sperato che accadesse. Il 47enne della provincia di Foggia si era allontanato per andare a mangiare una pizza fuori città, senza fare ritorno. Dopo 15 giorni di ricerche sempre attive sul campo, oggi la scoperta del cadavere disperso nelle campagne foggiane.

Nessuna traccia di Michele dal 25 settembre. Il 47enne di Peschici si era allontanato da casa, lasciando detto alla madre che avrebbe mangiato una pizza fuori città. Ma quella sera non ha fatto ritorno. Da allora si erano perse le sue tracce. E dopo 15 giorni, di fronte al ritrovamento del cadavere, emergono alcune contraddittorie dichiarazioni da parte dell’amico della vittima. (Continua a leggere dopo la foto).






Avrebbe fornito alcune dichiarazioni discordanti su quella famosa sera della scomparsa. E nel frattempo proseguono le attività di ricostruzione da parte degli inquirenti, che stanno tentando di comprendere tutti gli spostamenti effettuati da Michele nonché la rete dei contatti e incontri antecedenti al momento della scomparsa quando il 47enne era ancora in vita. (Continua a leggere dopo la foto).






L’amico di Michele è il primo indagato. Con lui avrebbe dovuto trascorrere la serata a Termoli, ma le versioni sugli eventi rimangono ancora contrastanti. Di fronte alla scoperta di quel cadavere, trovato in evidente stato di decomposizione nelle campagne in agro di Cagnano Varano, in provincia di Foggia, un velo di silenzio e di dolore. E su Il Corriere della Sera, qualche dettaglio sul ritrovamento. (Continua a leggere dopo le foto).



Segni sparsi sul corpo e precisamente sugli arti della vittima, probabilmente riconducibili ad alcuni morsi di animali selvatici. Nessun altro segno di colpi di arma da fuoco o tracce di una colluttazione sul corpo senza vita dell’uomo. La Procura della Repubblica di Foggia ha aperto un fascicolo per omicidio a carico di ignoti: “Per le cause della morte, invece, si dovranno attendere gli esiti dell’autopsia”.

Coronavirus, il paradosso: oltre mille contagiati in una fabbrica di mascherine

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it