Omicidio De Santis, i genitori di Antonio De Marco in carcere. Le loro parole per il figlio


Omicidio di Lecce, altri dettagli per bocca del killer. Antonio De Marco, l’autore reo confesso del duplice omicidio di Daniele De Santis e Eleonora Manta, uccisi il 21 settembre scorso nel loro appartamento di via Montello a Lecce, continua a parlare. Lo si apprende dalle dichiarazioni dell’avvocato Andrea Starace che, insieme al collega Giovanni Bellisario, difende Antonio De Marco.

Le parole dell’avvocato sono state riportate su Adnkronos: “Io mi aspetto nella prossima settimana nuovi spiragli, l’ho visto determinato e deciso a fare maggiore chiarezza, mi pare che qualcosa in più la stia ricordando. Ci possono essere novità da questo punto di vista. Mi sembra di poter cogliere che qualcosa la stia già ricordando e potrebbe ricordare anche altro”. (Continua a leggere dopo la foto).






Sia Starace che Bellisario si sono presentati in carcere a fare visita all’infermiere killer. Tante le parole di incertezza usate dall’assassino della giovane coppia. Il quadro continua a vacillare sia alla luce della confessione di De Marco davanti al pm e ai carabinieri il 28 settembre che durante l’interrogatorio del 1° ottobre davanti al gip del Tribunale Michele Toriello. (Continua a leggere dopo la foto).






Tra De Marco e gli avvocati, l’incontro è avvenuto prima che il ragazzo ricevesse anche la visita con il padre e poi con la madre, e da quanto emerge per bocca dei legali, alcuni dettagli sarebbero stati confidati da De Marco anche al cappellano del carcere durante la confessione: “Credo che Antonio sia all’inizio di un percorso, di un cammino di rivelazione della sua identità lungo e difficile”. (Continua a leggere dopo le foto).



E si aggiunge: “Il suo è un vissuto profondo. Spero che in cella si apra. Il carcere è come un viaggio nel deserto dove non c’è niente, dove devi scontrarti con te stesso, dove sei costretto, spalle al muro, a guardarti dentro”.

Coronavirus, il contagio cresce e il governo accelera: la nuova stretta potrebbe essere anticipata

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it