Roberto Saviano dopo la sentenza: “Io in cella, i boss assolti”


Lui chiuso in una celletta del tribunale di Napoli ad aspettarela decisione dei giudici, i boss del clan dei casalesi assolti per quelle minacce contro di lui e Rosaria Capacchione. Roberto Saviano commenta la sentenza che ieri ha condannato solo l’avvocato Santonastaso e oggi in un’intervista a La Stampa si dice “soddisfatto a metà”. (continua dopo il video)

“Colpisce – spiega Saviano –  che un avvocato venga giudicato responsabile delle minacce con l’aggravante mafiosa, come se fosse stato uno strumento del clan. Penso alla battaglia fatta in questi anni sulla possibilità di credere che le parole facciano paura”. Secondo lo scrittore è però comunque “una sentenza storica che cambia per sempre la storia delle mafie. La sentenza fissa questa immagine: un avvocato viene utilizzato per fare una minaccia mafiosa e svela l’utilizzo di un’istituzione processuale, l’istanza di remissione, per minacciare”








Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it