Choc a scuola, Giuseppe si accascia e muore davanti ai suoi studenti


Incredibile episodio drammatico in una scuola italiana. Un insegnante di 50 anni, che si chiamava Giuseppe Lo Magno, ha perso la vita davanti ai suoi studenti. La morte lo ha colto in classe: a stroncarlo molto probabilmente un malore che non gli ha lasciato alcuno scampo. Il professore insegnava all’interno di un liceo di Vittoria, un comune siciliano in provincia di Ragusa. L’edificio scolastico in questione è il ‘Giuseppe Mazzini’. Non c’è stato praticamente nulla da fare.

Il 50enne si è infatti improvvisamente accasciato a terra e non si è mai più rialzato. Prima di morire Lo Magno sarebbe riuscito a dire solo questo ai suoi alunni: “Non sto bene, datemi un bicchiere d’acqua”. Era intento a spiegare una lezione, quando il mancamento lo ha colpito senza preavviso, lasciando sotto choc un’intera classe. Immediato l’intervento dei sanitari del 118, che hanno soccorso inutilmente il docente. I medici non hanno fatto altro che constatare la sua dipartita. (Continua dopo la foto)






A riferire per primi la notizia è stato il sito ‘Ragusa News’. Dopo l’accaduto si sono recati sul luogo dove si è consumato il fatto anche i carabinieri di Vittoria per cercare di capirne di più. I sanitari hanno anche usato un defibrillatore ed hanno effettuato un massaggio cardiaco, ma il suo cuore non ha più ripreso a battere. In tutto il paese è circolata la notizia della morte di Lo Magno e i cittadini sono rimasti letteralmente sconvolti da questo evento tanto drammatico quanto inatteso. (Continua dopo la foto)






L’ex candidato sindaco Piero Guerrieri ha voluto ricordare così la figura del professore: “Desidero esprimere il cordoglio ai familiari, ai colleghi e agli studenti del Mazzini di Vittoria e all’intera comunità scolastica della città. Non conosco ancora le cause precise di questa tragedia. So che si è improvvisamente accasciato, e che a nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo. So della grande stima di cui godeva il professor Lo Magno, come persona e come docente. Una bella persona, solare”. (Continua dopo la foto)



La sezione della Lega del comune ragusano ha aggiunto: “Una scomparsa che addolora tutta la città, un amico e persona perbene, un docente che ha rappresentato un riferimento, nonché un valido educatore per tutti i suoi alunni e per gli studenti che lo hanno conosciuto. Ci stringiamo al dolore della famiglia Lo Magno e a tutti i suoi cari, condoglianze di vero cuore”.

“È andata così”. Omicidio Daniele e Eleonora, la decisione del magistrato sul killer Antonio De Marco

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it