“Chi potrebbe essere il killer”. Omicidio Daniele e Eleonora, la nuova pista su ‘Andrea’: cosa si è scoperto


La frase pronunciata da Eleonora Manta prima di essere assassinata insieme al fidanzato Andrea De Santis ha aperto la strada agli inquirenti sulla ricerca del killer. “Fermati, Andrea”, è stata la frase sentita dai testimoni nei momenti concitati dell’omicidio.

La coppia è stata uccisa la notte tra il 21 e il 22 settembre a Lecce in un condominio nei pressi della stazione, in via Montello, nel quartiere Rudiae. L’ipotesi più accreditata è che le due vittime conoscessero il loro assassino, al quale hanno aperto la porta mentre stavano cenando. L’arbitro, infatti, aveva le ciabatte ai piedi e un paio di pantaloncini, mentre la ragazza è stata trovata sul pianerottolo di casa. (Continua a leggere dopo la foto)






Daniele è riuscito a fuggire sulle scale, al piano inferiore, ma è stato raggiunto dall’assassino che lo ha colpito. In quel momento i vicini di casa si sono accorti di quello che stava accadendo e hanno chiamato la polizia. Gli stessi vicini hanno visto fuggire un uomo con un’arma, vestito di nero e con uno zainetto giallo. E da allora è caccia al killer. (Continua a leggere dopo la foto)






Al vaglio degli inquirenti ci sono tutti gli Andrea conosciuti e frequentati. Come scrive Il Messaggero “Tutti gli Andrea trovati nei contatti degli smartphone e dei computer dei due ragazzi sono stati sentiti in queste ore ed in questi giorni dai carabinieri del Nucleo investigativo e della Compagnia di Lecce. Gli Andrea trovati nelle rubriche telefoniche”.

E ancora: “Gli Andrea “amici” sui social, anche su Instagram dove Eleonora lunedì sera ha postato la storia dell’inaugurazione della casa di via Montello dove Daniele era cresciuto e dove, dopo i lavori di ristrutturazione, erano andati a vivere proprio a partire da lunedì”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Su Instagram sono sette gli “amici” di Eleonora con il nome Andrea. “Negli uffici di via Lupiae per essere sentite come persone informate sui fatti, anche altri Andrea: tutti quelli che per ragioni legate alla vita privata dei due ragazzi o del loro lavoro, avrebbero potuto avere a che fare con loro”, si legge ancora sul Messaggero. Non è escluso, quindi, che il killer della coppia possa essere un contatto social della ragazza.

L’auto esce di strada e si ribalta: 21enne muore sul colpo, ferito l’amico

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it