Coronavirus, allarme per 24 positivi: fanno tampone e lasciano numero sbagliato


Un fatto gravissimo al sud: hanno fatto il tampone e sono risultati positivi, ma hanno dato i recapiti sbagliati e non è possibile rintracciarli. Sono 24 le persone risultate positive a Napoli dopo un tampone, ma dei 57 casi risultati malati di covid registrati ieri nella città, ben 24 hanno fornito intenzionalmente recapiti sbagliati e quindi non è stato possibile rintracciarli per poterli mettere in isolamento. Di fatto quelle persone rappresentano un rischio per la salute pubblica, come riporta anche Il Mattino, visto che potrebbero continuare a circolare e potrebbero essere fonte di contagio.

I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore in Campania sono stati 3.405 tamponi rispetto ai 7.632 di domenica, facendo registrare un incremento di contagi: si passa da 171 a 243. In Campania quindi il numero dei contagi sta tornando a salire e i dati preoccupano gli esperti. Il totale dei positivi nella Regione sale a 10.503 rispetto ad un complessivo di 544.020 tamponi. Il totale dei deceduti arriva a 457, con una vittima registrata nella giornata di ieri. Sono stati 20 i guariti del giorno, per un dato complessivo di 5.149. (Continua a leggere dopo la foto)






Nei giorni scorsi la Regione ha annunciato un rafforzamento delle terapie intensive specifiche, i cosiddetti Covid Center per far fronte ad una eventuale – possibile, dice l’Oms – recrudescenza dei contagi da ospedalizzare nel periodo invernale, quindi da ottobre in poi. In Campania alcuni Covid Center, realizzati nella primavera scorsa, non sono operativi causa mancanza di collaudi. (Continua a leggere dopo la foto)






Le terapie intensive degli ospedali già stanno andando in sofferenza , soprattutto le subintensive. Il timore è che questa situazione possa aggravarsi di qui a qualche mese. Anche a Milano c’è un mini focolaio di Covid in un centro medico riabilitativo, periferia Nord di Napoli, dove i test condotti sui dipendenti hanno riscontrato che quasi la metà  degli operatori  – circa 20 persone – ha contratto il virus. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Al momento sono tutti asintomatici; la struttura  specializzata nella cura della scoliosi è chiusa per sanificazione e ci sarà un contact tracking, ovvero una indagine epidemiologica per sottoporre a test tutti coloro che sono sono entrati in contatto con i positivi, in particolare gli operatori che effettuano terapie e che al momento come prescrive la legge sono in quarantena domiciliare obbligatoria.

Ti potrebbe anche interessare: “Mi mancherai ogni giorno”. Terribile lutto per Sylvester Stallone, l’attore con il cuore a pezzi

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it