Troppi casi di coronavirus, la scuola apre a ottobre: la decisione del sindaco


Dall’ultimo bollettino diffuso dall’Unità di Crisi della Regione è di nuovo il numero di nuovi positivi al coronavirus in Campania: sono 136 a fronte, però, di meno tamponi: sono 3.895 i nuovi tamponi analizzati, di meno rispetto a quelli analizzati dei giorni scorsi. I dati comunicati dall’unità di crisi sono quelli del 15 settembre. In totale sono 9.351 i positivi da inizio pandemia in Campania, a fronte di 505.463 tamponi analizzati.

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati anche 60 guariti, che portano il numero complessivo a 4.819 (tra questi ci contano 4.815 completamente guariti e 4 clinicamente guariti). I decessi, invece, sono fermi a 452. A fronte dell’aumento dei contagi, soprattutto nel comune che governa, il sindaco di Castellammare di Stabia ha deciso di posticipare l’apertura delle scuole. (Continua a leggere dopo la foto)






La decisione è presa dal sindaco Gaetano Cimmino, alla luce di un aumento dei contagi in città: soltanto qualche giorno fa, ad esempio, in una giornata si erano registrati 11 nuovi casi, tra cui anche due bambini. L’annuncio è stato dato dal primo cittadino con l’ordinanza pubblicata sull’albo pretorio del Comune e un post sul suo account Facebook.

“La prima campanella nelle scuole di Castellammare di Stabia suonerà il 1 ottobre. Ho firmato poco fa l’ordinanza per posticipare di una settimana l’inizio delle attività didattiche, a seguito dell’evolversi della situazione epidemiologica e dell’impennata dei contagi da Covid-19, allo scopo di consentire l’avvio delle lezioni in assoluta sicurezza con un’organizzazione logistica accurata in ogni minimo dettaglio”, ha scritto il sindaco. (Continua a leggere dopo la foto)






E ancora: “Ho recepito, in tal senso, le istanze dei dirigenti scolastici; che hanno espresso unanimemente il desiderio di rinviare l’inizio delle lezioni per assicurare una maggiore sanificazione e igienizzazione dei locali. Soprattutto in virtù della tornata elettorale che fino al 21 settembre coinvolgerà gli edifici scolastici per le votazioni”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

“Il recente cambio di passo del virus, d’altra parte, non va minimamente sottovalutato. Ed è una mia assoluta priorità garantire la tutela della salute di tutti i cittadini; degli studenti e di tutto il personale scolastico che si appresta ad iniziare le attività didattiche in questo momento così delicato per tutto il Paese”, conclude il primo cittadino.

“Hanno pagato…”. Il GF Vip censura Patrizia de Blanck ma è troppo tardi: la frase rimbomba ovunque

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it