“Non salutarsi col gomito”. Covid, l’appello dell’Oms: “Ecco com’è meglio e sicuro”


Coronavirus, tutte le misure di sicurezza per evitare i contagi. Il consiglio dell’Oms si è espresso a chiare lettere indicando un modo ancora più efficace per attenersi ancor più alle misure di distanziamento sociale.

“Sarebbe meglio salutarsi portando la mano sul cuore piuttosto che toccandosi i gomiti l’uno con l’altro”, afferma il consiglio dell’Oms affinchè “la distanza di sicurezza di almeno un metro non viene mantenuta e il virus può essere trasmesso attraverso la pelle”. Questa la raccomandazione per contenere il contagio da Coronavirus. Un messaggio condiviso anche dal Direttore Generale dell’Oms. (Continua a leggere dopo la foto).






Tedros Adhanom Ghebreyesus ha proposto sul proprio profilo il messaggio condiviso dall’economista Diana Ortega, dove si esorta la comunità: “la distanza di sicurezza di almeno un metro non viene mantenuta e il virus può essere trasmesso attraverso la pelle. A me piace mettermi una mano sul cuore per salutare le persone in questi giorni”. Evitare il più possibili un contatto sarebbe una strada condivisibile da percorrere. (Continua a leggere dopo la foto).






Lo scopo, ovviamente, rimane quello di contrastare in ogni modo che la trasmissione del contagio faccia risalire picchi che negli ultimi mesi hanno preoccupato, e in parte ancora preoccupano, il mondo intero. Ma lo stesso consiglio riprende quanto già espresso a marzo da Ghebreyesus. E i dati ricominciano a dare un campanello di allarme anche alla luce di quanto messo in chiaro negli ultimi giorni. (Continua a leggere dopo le foto).



Di recente la Johns Hopkins University ha chiarito che la quota totale di contagi ha superato la soglia dei 29 milioni, mentre sono 924.463 i decessi dall’inizio della pandemia.  Poi un appello chiaro dall’Oms. Il direttore per l’Europa Hans Kluge, in Europa ha già parlato di un possibile aumento del numero giornaliero di morti in ottobre e novembre. La guardia si rialza con urgenza.

Muore a 5 anni durante il matrimonio. Un tavolo di granito caduto sulla sua testa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it