Paura in ospedale, crolla il soffitto di un reparto: lamiere e calcinacci al suolo


Tragedia sfiorata a Napoli all’ospedale del Mare, crolla soffitto del reparto di Radiologia.  Il cedimento di parte del tetto si è verificato nella notte tra il 3 il 4, ma si è saputo solo ieri e in via ufficiosa. I vertici hanno raccomandato al personale di evitare allarmismi e di tenere la notizia al riparo da possibili strumentalizzazioni.

Il distaccamento di una porzione di materiale coibentato è avvenuto nella notte nell’area dove un tempo era allestito il reparto di Neuroradiologia, al piano terra dell’edificio, utilizzato oggi dai sanitari per eseguire gli esami inerenti alla diagnostica. Fortunatamente al momento del crollo i locali del reparto erano vuoti e così il crollo di pietre e calcinacci ha danneggiato soltanto attrezzature e macchinari. (Continua a leggere dopo la foto)






Come riporta ‘La Repubblica nell’edizione Napoli, in questo momento al Loreto dei 70 letti ristrutturati ne sono attivi appena 20, occupati da lungodegenti (anziani). Deserte le strutture rianimative restaurate in pochi giorni per far fronte a un picco pandemico che fortunatamente non è mai arrivato. (Continua a leggere dopo la foto)






“Il manager e i suoi collaboratori devono, a questo punto, decidere in tempi brevi cosa dovrà essere questo ospedale – sottolinea uno dei pochi specialisti ancora in forza al Loreto – Strategicamente è una struttura che, come sostengono i vari comitati cittadini, va ridisegnata come presìdio di emergenza per il territorio. Le istituzioni non dimentichino che sul Loreto hanno sempre fatto affidamento oltre 200mila abitanti, di Napoli e della fascia vesuviana”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Per alcuni sarebbe imminente la riattivazione del pronto soccorso, per altri l’ospedale dovrebbe diventare presìdio per discipline specialistiche. “Il direttore generale aveva promesso che entro lunedì scorso, il 3 agosto, sarebbero iniziati i lavori per il riadeguamento del pronto soccorso. Finora, solo silenzio”, è il commento dei componenti della “Consulta sanitaria”, più rappresentativi e motivati a portare avanti la battaglia per la riapertura.

“Se n’è andato”. Lutto tremendo per Patty Pravo, la notizia diffusa poco fa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it