Drammatico incidente: nell’impatto Rita muore a 56 anni. Con lei anche le amiche


Uno scontro mortale si è verificato nella giornata di mercoledì, 29 luglio, in Calabria. Rita Arena aveva 56 anni e ha perso la vita sulla strada provinciale 63, quella che collega Crotone alla città di Cutro. La donna era a bordo di una Citroen C1 in compagnia di altre due donne di 49 e 69 anni, una delle quali era stava guidando l’auto. La macchina, in un tratto in cui la strada diventa più stretta, si è schiantata contro un furgone Citroen Jumpy manovrato da un uomo. (Continua dopo le foto)











L’uomo è un cittadino di Cutro, e le motivazioni dell’incidente sono ancora in via di accertamento. Rita Arena è morta sul colpo, invece le altre due donne che erano all’interno della macchina insieme a lei sono state trasportate in codice rosso al ps dell’ospedale San Giovanni di Dio di Crotone. È rimasto illeso, fortunatamente, il conducente del furgone Citroen Jumpy, e su cui non era solo, perché con lui, sul mezzo, erano presenti una donna 35enne ed una bambina di 5 anni, anche loro rimaste illese dal sinistro. Sul posto sono intervenuti immediatamente i Vigili del Fuoco del comando provinciale di Crotone, che hanno operato affinché venissero estratte dalle lamiere dell’auto distrutta le due donne gravemente ferite. (Continua dopo le foto)



In seguito all’incidente avvenuto sulla strada provinciale 63 che collega Crotone alla città di Cutro, i Carabinieri della stazione di Cutro hanno eseguito i rilievi del sinistro e aperto le indagini mediante cui si riuscirà a ricostruire la dinamica dell’accadimento. In Calabria le ultime 24 h sono state terrificanti: quello in cui ha perso la vita Rita Arena è stato il secondo incidente mortale nel giro di pochissimo. Infatti, a Sellia Marina, altezza bivio per Cropani, statale 106, hanno perso la vita altre due vittime della strada in seguito ad uno scontro tra una Fiat Multipla e un furgone.

Incidente stradale, muore una donna di 43 anni. Il conducente dell’auto, positivo all’alcol test, fuggito ma preso

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it