Nipote 26enne uccide il nonno 91enne: 26 coltellate e 11 colpi di bastone


È stata arrestata oggi dalla Polizia. Ventisei coltellate e undici colpi di bastone, in questo modo lo scorso 7 gennaio, durante una lite furibonda, secondo gli investigatori, Carmen Federica Lopatriello, 26enne, ha colpito a morte il nonno Carlo Antonio Lopatriello, di anni 91. L’efferato delitto è accaduto nell’abitazione del nonno, a Marconia di Pisticci, Matera. Oltre all’accusa di omicidio nei confronti di Carmen Federica Lopatriello, si è aggiunta anche l’aggravante di aver agito con crudeltà. Come movente dell’omicidio ci sarebbero alla base problematiche economiche famigliari. Prove di DNA mischiato, del nonno e della nipote, sono state pervenute lungo il bastone e anche sulla felpa che aveva indosso la donna il giorno dell’omicidio. (Continua dopo la foto)






Come se ciò non bastasse, secondo la ricostruzione dei fatti effettuata dalle forze dell’ordine, a qualche giorno di distanza dall’omicidio, Carmen Federica Lopatriello avrebbe buttato nella zona di una piazzola di sosta un paio di calzature fucsia. Tali calzature sarebbero le stesse che indossava nella casa del nonno e la cui immagine è stata catturata da una telecamera di video-sorveglianza della casa di Carmen Federica Lopatriello. A scatenare i sospetti l’indagata stessa, che alla richiesta degli agenti di presentare i fotogrammi della telecamera di sorveglianza, li avrebbe presentati tutti tranne tre. Quelli non presentati sarebbero stati comunque estrapolati e sono proprio quelli in cui erano visibili le scarpe. (Continua dopo la foto)






Le calzature rinvenute dalla polizia nella piazzola di sosta, che risultavano aver subito un lavaggio con un detergente, erano comunque compatibili con un’impronta formatasi con il sangue del nonno della Lopatriello sul pavimento della propria abitazione. Nessuna traccia di DNA differente da quelle appartenenti all’anziano e alla nipote di quest’ultimo. Carmen Federica Lopatriello si è sempre dichiarata innocente e del tutto oscura ai fatti. Alla conferenza stampa hanno presenziato il Procuratore della Repubblica di Matera, Pietro Argentino, il pm Annunziata Cazzetta, il Questore Luigi Liguori, il capo della Squadra mobile, Luigi Vessio e Domenico Di Vittorio, dirigente del Commissariato di Pisticci.

“Sto morendo, ciao”. Tv in lutto, l’attrice sconfitta da un cancro a soli 29 anni

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it