“La tua città piange per te”. Serena, 32 anni: la sua morte ha sconvolto tutti


Una città intera sta dicendo addio a Serena Mercuri. La ragazza lascia la mamma Onelia e il papà Aldo. Uno degli ultimi impieghi era stato allo Shada, come responsabile di sala. Il ricordo di Aldo Ascani: “Grande professionista, collaboratrice eccezionale e una persona sempre disponibile. Che la terra le sia lieve”.

La giovane è morta in casa a soli 32 anni. Stava combattendo da tempo contro un male, e alla fine il suo cuore ha smesso di battere. Ed ora è lutto per tutto Civitanova per la scomparsa di Serena Mercuri. Come dicevamo lascia la mamma Onelia e il papà Aldo, oltre a un grande vuoto in chiunque l’avesse conosciuta. Una terribile malattia l’ha strappata alla vita troppo presto. Molto conosciuta e benvoluta in città, si era fatta apprezzare anche per le sue qualità professionali. (Continua a leggere dopo la foto)






“Era una grande professionista, una collaboratrice eccezionale e una persona sempre disponibile – ricorda Aldo Ascani – per noi era un punto di riferimento come responsabile di sala. Non possiamo che fare le più sentite condoglianze alla famiglia da parte di tutto lo staff”. Altra tragedia si è consumata intorno alle 16.30 di domenica all’agriturismo Ca’ Laura di Bosco Mesola. (Continua a leggere dopo la foto)






Un bambino di 5 anni, Massimiliano Grandi di Migliarino, è morto nella piscina della struttura ricettiva che si trova all’interno del Parco del Delta. Il suo corpicino è stato notato, immobile, nell’acqua da alcuni clienti dell’agriturismo che stavano facendo il bagno, ma nessuno ha notato che cosa sia accaduto nei minuti precedenti la morte. Massimiliano era arrivato in piscina assieme alla mamma per trascorrere una domenica in allegria e spensieratezza. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Secondo una prima, e ancora tutta da verificare, ricostruzione dei fatti il bambino dopo aver mangiato un gelato si è avvicinato al bordo della piscina e probabilmente si è tuffato, oppure è scivolato nell’acqua: questo è un punto che i carabinieri della Compagnia di Comacchio e del Nucleo investigativo devono ricostruire esattamente.

Ti potrebbe anche interessare: Organizzano festa in villa: 350 invitati. Le foto dell’assembramento

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it