Due ragazzi di 15 e 16 anni morti nel sonno: arrestato un uomo


Tragedia a Terni, dove due ragazzi, minorenni, sono stati trovati morti stamani nelle loro abitazioni, in diversi quartieri della città. Sui corpi non sono stati trovati segni di violenza: in base ai primi accertamenti sembra infatti che i ragazzi avessero trascorso insieme la serata di ieri. Tra le ipotesi della morte l’uso di sostanze stupefacenti. In serata è stato fermato un 41 enne con l’accusa di avere ceduto la dose letale ai due studenti. I due ragazzi avevano uno 15 e uno 16 anni e ieri – lunedì – avevano trascorso la giornata insieme, con anche altri amici. I quartieri di Terni in cui è avvenuta la tragedia sono quelli di San Giovanni e Villa Palma.

Sembra chiaro per le forze dell’ordine che la loro morte potrebbe essere collegata a quelle che in maniera tecnica vengono definite “sostanze droganti”, ovvero qualcosa che ancora non è stato definito esattamente. I due, amici che avevano trascorso assieme la serata, sono stati trovati morti nei loro letti. Il doppio tragico ritrovamento è avvenuto questa mattina nelle due abitazioni in quartieri piuttosto distanti tra loro, nella prima periferia della città. In tutti e due i casi la morte risalirebbe a qualche ora prima. (Continua a leggere dopo la foto)






I due ragazzi sono stati scoperti dai rispettivi familiari, preoccupati dal fatto che non si svegliassero. Sul corpo, sia per il quindicenne sia del sedicenne, nessun segno di violenza. A spingere gli investigatori dei carabinieri del comando provinciale di Terni a pensare che il doppio dramma non fosse stato una casualità, e che dunque le morti potevano essere collegate tra loro, è il fatto che i due – come spiega l’Arma in una nota – fossero “molto amici” e che avessero trascorso la serata insieme, in compagnia di altri coetanei. (Continua a leggere dopo la foto)






“Sulla scorta delle prime risultanze raccolte sul posto il decesso dei due minori – spiega sempre l’Arma – potrebbe essere collegato all’assunzione di sostanze droganti”. Saranno dunque gli accertamenti autoptici e tossicologici che verranno disposti dal sostituto procuratore Raffaele Pesiri – che sta coordinando l’indagine con la supervisione del procuratore capo Alberto Liguori – a cercare di fare chiarezza sulle cause dei due decessi. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Poco dopo ore un 41enne ternano è stato fermato in serata perché ritenuto collegato al tragico malore che ha provocato la morte del quindicenne e del sedicenne di Terni trovati questa mattina senza vita dai genitori nelle loro camere da letto. I particolari della vicenda saranno illustrati dal procuratore, Alberto Liguori e dal pm Raffaele Pesiri nel corso di una conferenza stampa in programma domani alle 11 presso il Commando provinciale dei carabinieri di Terni. La città è intanto sotto choc. Tanti i giovani che, in lacrime, in mattinata si sono recati davanti alle abitazioni dei due ragazzi.

Ti potrebbe anche interessare: “Quando mi innamorerò”. Belen Rodriguez, la frecciatina (atroce) per Stefano è servita

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it